Il Bernina ringrazia Pierluigi Crameri e Mirko Monigatti

1
1472

Sabato 5 maggio alle ore 17.00, presso il Vecchio Monastero di Poschiavo, ha avuto luogo l’assemblea annuale dell’associazione Il Bernina. Uno dei momenti emotivamente più carichi è stato certamente il congedo dal comitato di Pierluigi Crameri, fra i membri fondatori di questo giornale, e di Mirko Monigatti. Al loro posto subentrano, rispettivamente, Francesco Luminati e Piero Pola.

La manifestazione pubblica è stata brillantemente condotta dal presidente Bruno Raselli, che nella sua relazione non ha mancato di tracciare un bilancio dell’anno appena trascorso, raccontandone i punti salienti.
“Se lo scorso anno – ha detto in un passaggio del suo intervento – avevo affrontato questo appuntamento con una punta di ansia, quest’anno sono arrivato a questo nostro importante momento d’incontro sereno. Nel frattempo ho potuto “vivere” settimanalmente le attività redazionali, ho potuto confrontarmi con i responsabili di altri gruppi redazionali, ho conosciuto meglio i nostri collaboratori; e ho capito che non abbiamo nulla da invidiare a nessuno. La sfida comunque continua, – ha aggiunto – vi posso assicurare che le sfide con le quali la redazione si vede confrontata sono continue”.

Bruno Raselli

In un altro passaggio del suo intervento, il presidente ha anche tenuto a sottolineare il proprio ruolo e quello dell’associazione: “Mi capita di subire delle critiche personali sui contenuti di determinati articoli (in genere quelli politici), perché alcune persone confondono la mia mansione di presidente con quella di un redattore. Critiche che lasciano il tempo che trovano, cerco semmai di analizzare con il nostro gruppo di lavoro eventuali errori […] La nostra è un’associazione culturale; con l’intensità di pubblicazione attuale è però impensabile che il gruppo operativo possa trovare anche il tempo per promuovere eventi o iniziative d’altro genere, se non quello per scrivere articoli. Sarebbe bello, un giorno – e questo è un mio obbiettivo – poter disporre di più mezzi ed avere così lo spazio di fare anche un giornalismo di ricerca. Forse con la nuova legge sui mass media si deciderà di sostenere anche i giornali online, e allora la musica cambierà”.

Successivamente ha preso la parola il responsabile delle finanze Adriano Zanolari. Nel suo intervento è stata sottolineata la tenuta finanziaria dell’associazione, che quest’anno ha visto, in controtendenza rispetto al triennio precedente, un aumento del numero degli abbonati. Un sentito ringraziamento è stato loro rivolto, così come verso i soci, gli inserzionisti pubblicitari e i tre sponsor principali (Raiffeisen, InfoRLife e Repower).

Adriano Zanolari

Nel mio intervento, in qualità di caporedattore, ho mostrato a grandi linee il lavoro che è stato fatto nel corso del 2017 e quello che sarà fatto nel corso del 2018. In questo ambito mi piace sottolineare la proposta della redazione di collaborare con il prossimo nascituro Centro giovanile: è possibile che qualcosa, infatti, possa partire con l’inizio del prossimo anno scolastico. Altro dato che ho comunicato riguarda i carichi di lavoro. Ho calcolato infatti, che la redazione presta circa un 40% di ore di volontariato: questo sia come riconoscimento verso l’associazione sia come spirito di servizio verso la comunità.

A seguire è stato il momento della nomina di due nuovi membri del comitato: Piero Pola (ex membro di redazione) e Francesco Luminati (uno dei realizzatori del nostro sito), infatti, andranno a sostituire, rispettivamente, Mirko Monigatti e Pierluigi Crameri.

Pierluigi, “Pippo” per gli amici, conclude la propria esperienza in seno al Bernina dopo 14 anni, come 14 sono gli anni che la nostra associazione ha. “Anzi ancor di più, – come ha sottolineato nel suo intervento Serena Bonetti –  perché Pierluigi il Bernina non solo l’ha co-fondato nel 2004, ma faceva già parte di quel gruppo di amici che il Bernina prima l’ha sognato, pensato, ideato, organizzato e poi finalmente realizzato […] Il comitato, la redazione e tutti i collaboratori ti ringraziano di cuore, Pierluigi, per tutto il tuo impegno, la tua disponibilità e la tua amicizia e ti assicurano che faranno di tutto per portare avanti il nostro giornale al meglio, secondo quelli che erano gli ideali iniziali del Bernina, sempre ancora attuali. Grazie di tutto.. “.

Pierluigi Crameri e Serena Bonetti

Mirko Monigatti, invece, è entrato a far parte del comitato del Bernina nel 2012 insieme a Madleina Raselli: due giovani che l’associazione ha voluto proprio perché rappresentassero quelle nuove generazioni a cui il Bernina si è sempre rivolto. “A Mirko quindi – seguendo le parole di Serena Bonetti – il Bernina è molto grato. Ora lascia il Comitato perché i suoi impegni familiari proprio in questi giorni si stanno raddoppiando / si sono raddoppiati – sta per diventare papà per la seconda volta / è appena diventato papà per la seconda volta. Gli facciamo quindi i nostri migliori auguri e di cuore lo ringraziamo”.

Dopo le formalità dell’assemblea è stato quindi il turno del gradito ospite di giornata, Giada Bianchi, collaboratrice de Il Bernina. L’artista, giornalista e fotografa ha spiegato ai presenti i suoi “Ritratti Narrativi”, un’idea originale di esperienza artistica, un progetto che utilizza i moderni metodi di comunicazione (come per esempio i social network e i messaggi vocali) e trasversali espressioni artistiche per dare vita a nuovi e originali dipinti. “In questo contesto – ha spiegato Giada – le persone vengono messe al centro del processo creativo, manifestando non solo una comunicazione fine a sé stessa quanto piuttosto una “trasmissione orale pittorica” densa di significati in grado di tramandarsi nel tempo.

Giada Bianchi

Dopo un gustoso aperitivo presso il Vecchio Monastero, il comitato, la redazione e i collaboratori esterni sono stati graditi ospiti presso il ristorante Capelli di Prada.


Marco Travaglia

1 COMMENTO