È in rete il nuovo “giornale” Il Bernina

0
2

È in rete il nuovo “giornale” Il Bernina

Alla metà  di aprile la fondazione dell’omonima associazione

Lo scopo principale del progetto ‘Il Bernina’ è quello di avere un ‘giornale’ in rete, che permetta una consultazione delle notizie valligiane, accessibile senza frontiere spazio-temporali.

Gli ideatori

Gli ideatori provengono da esperienze professionali disparate, sono in parte attivi in Val Poschiavo e in parte nella Svizzera tedesca. Pierluigi Crameri, webmanager, co-titolare della ecomunicare.ch, è attivo nella promozione culturale, presiede infatti la Biblioteca PGI. Danilo Nussio, insegnante di scuola professionale e assistente di pratica in comunicazione mediata da computer, si occupa di sviluppo regionale e di ingegneria dell’innovazione pedagogica. Patrick Lardi, esperto di turismo, lavora quale project manager presso Swiss Olympic Association ed è segretario della PiB. Dr. Gianluca Giuliani, economista agrario, dal 2003 è co-titolare di un’azienda di consulenza nei settori dell’economia agraria e regionale, è tutt’ora incaricato dall’Istituto di Economia Agraria al Politecnico Federale della conduzione di alcuni progetti di ricerca; dal 1998 è presidente centrale dell’Associazione Pusc’ciavin in Bulgia. Gianluca Lucini, architetto, webdesigner, è attivo a Zurigo. Luigi Menghini, insegnante, si occupa di aspetti culturali, storico-linguistici.

Giornale indipendente

L’indipendenza è uno dei capisaldi e delle prerogative enunciate sin dall’inizio da parte dei promotori. Non potendo ambire all’obbiettività assoluta, la pluralità della voci nonché la possibilità di interazione dovrebbero evitare una qualsivoglia predominante idealistica da parte della redazione. La scelta oculata dei collaboratori, la partecipazione d’una cerchia di esperti in materia, oltre che una particolare cura alla formulazione dovrebbero assicurare la qualità della nuova testata.

I collaboratori

La vicinanza alla realtà di Valle di gran parte dei collaboratori assicura un effettivo servizio di consultazione sia per i convalligiani che per la diaspora valposchiavina, interessata a mantenere vivo il rapporto con la valle natia. Una rivalutazione della collaborazione tra chi sta fuori valle e chi invece è attivo all’interno di essa può sicuramente essere prolifica.

I contenuti

I contenuti del nuovo strumento informativo dovrebbero dare spazio principalmente ai fatti di cronaca, con la possibilità di approfondimento tematico qualora l’argomento lo richiedesse. A questo riguardo non si vogliono considerare solamente gli avvenimenti salienti della politica, ma ridare possibilmente al pubblico quanto avviene in Valle anche in altri aspetti: quello economico, turistico, di sviluppo ad esempio. Oltre alle notizie di carattere sportivo e lo spazio adeguato per la segnalazione di manifestazioni o eventi, ‘il Bernina’ dovrebbe lasciar spazio alle comunicazioni di società (Pus’ciavin in Bulgia ad esempio) per la promozione o per delle proposte.

Una parte difficile da prevedere ma che risponderebbe in modo ideale alle aspettative dei promotori del sito è l’apertura di un forum che permetta non solamente di intervenire scrivendo e commentando avvenimenti da parte di esterni, ma addirittura di prendere posizione su argomenti trattati da altri. Lo scambio di notizie consente a ciascuno di acquisire nuovi elementi conoscitivi. Questa possibilità, come già detto, rientra tra gli auspici dominanti, anche se difficilmente si può prevedere la risposta del pubblico. Essendo un mezzo di comunicazione moderno si spera che anche le nuove generazioni vi intuiscano una possibilità di prendere parola liberamente condividendo le proprie idee o almeno rendendole pubbliche. Chissà che non si riesca ad attizzare di nuovo degli interessi assopiti ormai da tempo.

Redatto da Il Bernina – redazione@ilbernina.ch