Le raccomandazioni del PDC per le prossime votazioni

0
1

Le raccomandazioni del PDC per le prossime votazioni

Il 26 settembre prossimo il popolo svizzero é chiamato alle urne per decidere su 4 oggetti in materia federale: Il popolo grigionese voterà  inoltre due proposte di revisione della costituzione cantonale e eleggerà  un membro sostitutivo nel governo grigionese. Riportiamo qui di seguito le considerazioni in merito:

Votazioni federali

. Naturalizzazione agevolata dei giovani stranieri di seconda generazione

Attualmente la naturalizzazione è abbinata a lunghe procedure non senza ostacoli. I lunghi tempi di dimora previsti nei cantoni e nei comuni, i costi di naturalizzazione molto elevati e le interminabili procedure incutono timore a chi vorrebbe proporre la propria naturalizzazione. Poi le procedure di naturalizzazione, diverse da cantone a cantone e da comune a comune, provocano un grosso lavoro burocratico. Il cambiamento di domicilio porta molto spesso alla conseguenza che il periodo prescritto di dimora deve ripartire da zero.
Il decreto vuole facilitare le procedure e naturalizzare persone che sono nate nel nostro paese e che per loro questo rappresenta la propria patria. Essi conoscono almeno una nostra lingua e la nostra cultura e quindi già integrati nella nostra società. Accettando il decreto la procedura di naturalizzazione diventa di conseguenza unitaria, più semplice e efficiente, con molto meno burocrazia e conseguente rafforzamento dell’integrazione dei giovani stranieri.

. Acquisizione della cittadinanza svizzera alla nascita per la terza generazione

In questo contesto valgono gli stessi ragionamenti come per la naturalizzazione facilitata della seconda generazione. Si tratta qui di agevolare l’integrazione nella nostra società di persone straniere della terza generazione, che già i nonni sono giunti e risiedono in Svizzera. Essi dovrebbero acquisire la cittadinanza svizzera già con la nascita alla condizione che almeno uno dei genitori vi sia qui cresciuto.

I Comitati PDC federale e cantonale raccomandano di accettare i due decreti: SI

. Iniziativa popolare del 26 aprile 2002 “Servizio postale per tutti

A livello svizzero il PDC ha deciso di proporre il rifiuto dell’iniziativa popolare per un servizio postale a favore di tutti, con l’argomento che l’iniziativa non porta nessun miglioramento qualitativo del servizio postale. L’ordinanza postale in vigore dall’inizio del 2004 obbliga già la posta a gestire un servizio postale su tutto il territorio svizzero in modo da poter raggiungere il prossimo ufficio in 20 minuti usando i mezzi di trasporto pubblici. Si fa notare che la Svizzera dispone già di una rete postale molto fitta se si fa un confronto con l’estero.
Contrariamente al PDC federale, il PDC cantonale in occasione dell’Assemblea dei delegati del 25 agosto 2004 a Poschiavo ha però deciso di sostenere l’iniziativa. Alle nostre latitudini la situazione è diversa in quanto i mezzi di trasporto pubblici non circolano con la stessa intensità che si nota nei centri. Inoltre si vuole manifestare dissenso i merito al continuo saccheggio a scapito delle zone periferiche.

Il PDC cantonale raccomanda quindi di accettare l’iniziativa: SI

. Modifica del 3 ottobre 2003 della legge sulle indennità di perdita di guadagno in caso di servizio o di maternità

Con l’introduzione di contributi sostitutivi al guadagno si mette in atto un postulato già da lungo tempo maturato a favore della donna. Questo regola però anche l’indennità di perdita di guadagno in caso di servizio militare, servizio civile o servizio di protezione civile. Questi contributi sono della massima importanza per la famiglia e per la società. In modo speciale una madre deve poter intercalare una pausa dopo la nascita del bambino al fine della ripresa fisica, per poter avviare il rapporto madre/figlio. Per la durata di 14 settimane, a partire dalla nascita del bambino, si vuole garantire alle donne che esercitano un attività lucrativa un contributo giornaliero che raggiunga l’80 % del guadagno assicurato. L’ unico neo in questo contesto è rappresentato dal fatto che le madri che si occupano unicamente dei bambini e non esercitano attività lucrative, in caso di gravidanza non ottengono nessun contributo.

Il PDC a livello svizzero e cantonale raccomanda comunque di accettare la modifica di legge: SI

Votazioni cantonali

. Revisione parziale della costituzione cantonale (Art. 35, cv 1 KV)

Il preventivo cantonale viene fissato annualmente dal Gran Consiglio e la costituzione non offre allo stesso l’opportunità di delegare ad un’altra istanza questa competenza. Sarebbe però opportuno che in certi casi per facilitare le procedure anche una commissione del legislativo unitamente al il governo, avessero la possibilità di procedere in casi particolari. Per snellire quindi certe procedure si vogliono dare al governo delle competenze in materia finanziaria. I casi i quali si vuole delegare le competenze sono descritti nel fascicolo che accompagna il materiale di votazione. Il Gran Consiglio ha approvato con 78 voti contro 1 il disegno di revisione parziale.

. Revisione della legge sull’incremento economico

In seguito a referendum la decisione di incrementare l’economia del nostro cantone, approvata in febbraio 2004 dal Gran Consiglio, deve essere sottoposta al popolo.

La proposta di revisione vuole sostenere la promozione economica con nuovi posti di lavoro, il miglioramento delle condizioni quadro per la crescita economica, il sostegno tramite mutui, la promozione del settore alberghiero, delle tecnologie dell’informazione e comunicazione, aumentare la concorrenzialità delle regioni, il sostegno degli impianti sportivi e di istituti di ricerca importanti e la creazione di chiare basi legali per i mandati di prestazione.

Il PDC cantonale raccomanda di accettare ambedue le proposte di revisione della costituzione: SI

Elezione sostitutiva di un membro del governo grigionese

Mario Cavigelli, un’opportunità da cogliere!

Il voto a Mario Cavigelli perché da importanza alla sanità.

Il Comitato PDC raccomanda alla popolazione di recarsi alle urne il 26 settembre prossimo.

Non dimenticate la possibilità di votare per corrispondenza.

Con cordialità
Il Comitato PDC Poschiavo

Mario Cavigelli in visita in Engadina

Sabato scorso il candidato PDC per il consiglio di stato Mario Cavigelli ha visitato assieme a una rappresentanza del PDC dei giovani l’Engadina. A Scuol, Zernez e Samedan egli è stato a disposizione della popolazione che numerosa ha approfittato della possibilità di rivolgere le più svariate domande al candidato. Questi incontri per strada hanno facilitato la comunicazione tra il candidato e la gente. La facilità di Mario Cavigelli ad esprimersi in romancio è stata molto apprezzata dalla popolazione engadinese, la lingua è sicuramente uno dei punti forti che unisce il candidato PDC ha tutta la popolazione grigione.

Redatto da La Redazione – redazione@ilbernina.ch