10 assoli in omaggio alle donne

0
0

10 assoli in omaggio alle donne

La ticinese Touch Dance Company presenta a FestTeatro dieci assoli in omaggio alle donne coreografe che hanno segnato la danza contemporanea del dopo guerra. Lo spettacolo é stato presentato per la prima volta nell’ambito del IV Festival Internazionale ”La donna crea» di Ascona lo scorso mese di febbraio.

  • Giovedì, 17 marzo 2005 – ore 21

  • Teatro Mignon, Tirano

  • Touch Dance Company, Svizzera

    DIECI

  • Coreografie, ideazione costumi *, scenografia e testi: Mi Jung
    . Recitazione testi: Jolanda Conedera

  • “danza indiana” e “gigue”: costumi originali di Sonja Markus-Salati, diapositive dipinti di Sonja Markus-Salati, per gentile concessione di Zoe Markus-Salati

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, l’arte della danza cercava nuovi orizzonti, che non fossero strutturati o limitati nella tradizione classica: la ricerca quindi di un movimento più libero, espressivo, nel quale il corpo si potesse esprimere con più naturalezza.

Isadora Duncan, Mary Wigmann, Loily Fuller e Martha Graham sono state tutte donne che con il proprio lavoro e la loro ricerca personale hanno dato impronte diverse alla danza contemporanea. Chi in maniera libera ed improvvisata, nel caso di Isadora Duncan, chi ricercando l’effetto scenico estetico quale Loily Fuller e chi invece creando le fondamenta per una nuova tecnica partendo dalla drammaticità teatrale, come è stato per Martha Graham.

In Svizzera, e più precisamente ad Ascona, al Monte Verità, si era creato un gruppo, quasi settario, guidato da Rudolf Von Laban. Componenti del movimento di nuova danza libera erano anche danzatrici residenti in Ticino, tra cui da ricordare, Charlotte Bara e Sonja Markus-Salati.
“Proprio su quest’ultima, l’autunno scorso, in collaborazione con sua figlia Zoe Markus-Salati, è stata allestita una mostra di pitture, presso la Villa dei Cedri a Bellinzona. Per creare un’immagine più omogenea sul carattere dell’artista, ho creato 8 assoli diversi ispirandomi ai temi proposti nei dipinti. Dipinti che per la maggior parte richiamano il tema della danza (Sonja dovette interrompere la danza a causa di un incidente prematuro) e, traspare chiaramente il grande amore che questa donna portava nell’arte della danza. Desidero riproporre questo lavoro, abbinando le immagini pittoriche alle immagini in movimento degli assoli”, racconta Mi Jung, coreografa dello spettacolo.

Gli altri due assoli sono invece dedicati a Loily Fuller e Martha Graham. Fuller, con il solo ausilio di luci e costumi, fu una fra le prime creatrici degli effetti ottici in scena (ai tempi già un grande passo in direzione dell’innovazione tecnologica).
Martha Graham, musa ispiratrice di Mi Jung, è riuscita a dare un grande significato al corpo umano, per la sua ricerca della drammaticità, dunque l’esternamento dei sentimenti e quella grande precisione e devozione nel estrapolare un movimento che parta dall’interno del corpo. Dalla profondità, fino ad esplorare tutto lo spazio circostante con un’energia insuperabile.

Il costo del biglietto é di 12 €.
Prevendite: TIRANO: Il 95, Edicola Rinaldi e Marcom; SONDRIO: Libreria Alice

Redatto da Cassiano Luminati – cassiano.luminati@cs33.it