Il turismo valposchiavino a tinte rosa

0
0

Il turismo valposchiavino a tinte rosa

Luca Beti, redattore de IL BERNINA, si é intrattenuto con Cassiano Luminati, Presidente dell’Ente Turistico Valposchiavo (ETV) per conoscere quali sono le prospettive del settore turistico valposchiavino.

La piazza di Poschiavo è un luogo incantevole, specialmente d’estate, invidiato da molti e pulsante di vita. Qui ci sediamo a bere un caffé di metà pomeriggio.
Seguo con attenzione gli scenari futuri prospettati da Cassiano Luminati.

Sulla piazza un gruppo di turisti volge uno sguardo interessato alla chiesa, agli edifici splendidamente restaurati e alla Tor. La guida del manipolo di turisti liquida con scarne spiegazioni secoli di storia e di architettura. Ciò ci lascia perplessi e stizziti.

Il futuro del turismo valligiano può iniziare anche da lì, da una giusta valorizzazione del nostro patrimonio culturale, storico e paesaggistico.

Luminati parla della ruolo fondamentale degli organi politici per uno sviluppo del turismo in valle. Parla del fatto che i politici di casa nostra non hanno mai realmente preso coscienza del vero valore turistico della valle. Si sono limitati ad osservare dalla finestra i mutamenti del settore. La Valposchiavo politica è tardi da sempre ed ora, afferma il presidente dell’Ente Turistico Valposchiavo, con la Destinazione St.Moritz/Engadin, è inutile fare la voce grossa. Forse più che discorsi altisonanti, andrebbero pronunciati dei mea culpa.

Entrare a far parte della Destinazione St.Moritz/Engadin non è una strategia futura dell’ETV, continua Luminati. Infatti non si conoscono ancora aspetti di una possibile collaborazione ed inoltre si verrebbe fagocitati inevitabilmente da un meccanismo enorme, non adatto alle esigenze e alle capacità finanziarie del settore turistico di valle.

Il 5 ottobre scorso Rodolfo Plozza e Cassiano Luminati si sono incontrati con il presidente del gruppo pilota, la “Steuergruppe” del progetto Destination St.Moritz/Engadin, ed hanno manifestato l’interesse della Valposchiavo a far parte del consiglio turistico, del “Turismusrat”. Il presidente si è espresso positivamente riguardo a questa possibilità. Vede di buon occhio pure una collaborazione con la vicina Valposchiavo in quanto ha affermato che questa offre un prezioso arricchimento alla proposta turistica dell’Engadina.

Luminati vede di buon grado una partnership che permetta all’Ente turistico Valposchiavo di fare capo alla società St.Moritz/Travel per gli aspetti amministrativi. Ciò dovrebbe ridurre i costi all’ETV.
Inoltre, si auspica che la Valposchiavo possa approfittare dei contratti pubblicitari vantaggiosi stipulati dalla nuova società dell’Alta Engadina e piazzare così sul mercato internazionale dei pacchetti d’offerte che promuovano pure la nostra valle.

Non va dimenticato che la linea ferroviaria del Bernina è proposta quale patrimonio mondiale UNESCO. Ciò obbligherà, anche i più recalcitranti engadinesi, a proporre ai loro turisti un’uscita nella vicina Valposchiavo.

La Valposchiavo turistica non si trova dinnanzi ad un futuro disarmante. L’Ente turistico Valposchiavo ha sviluppato delle strategie per il futuro del turismo valligiano. Queste prevedono una puntuale pubblicità sul mercato svizzero. Luminati afferma che il turista svizzero sceglie la Valposchiavo per le sue vacanze e non ci capita per caso.

Il suo futuro è a tinte rosa, il nero non è ancora sulla paletta dei colori.

Redatto da Luca Beti – luca.beti@bluewin.ch