Parola di Giuan

0
1

Parola di Giuan

20 novembre 2006

L’allenatore responsabile della seconda squadra della Valposchiavo Calcio Ivan Rossi, in arte Giuan, commenta la prima parte della stagione calcistica.

Quale il giudizio generale sulla prima fase della stagione?

A livello generale il mio giudizio è positivo. La posizione di metà classifica rispecchia le nostre difficoltà per ciò che concerne le risorse umane. La carenza di giocatori, e quindi il dover di volta in volta fare affidamento su nuovi elementi, impedisce in vero la formazione di una netta identità della squadra.

Quale il punto più alto del girone di andata e quale quello più basso?

Ritengo che la squadra abbia dato il meglio di sé in occasione della gara esterna contro la forte compagine del Lumnezia/Vella. La partita finì tre a uno per gli avversari, ma noi dimostrammo grande carattere e voglia di lottare, e fino a circa mezz’ora dalla fine eravamo addirittura in vantaggio.

D’altro canto, reputo la pesante sconfitta a Celerina contro i Lusitanos de Samedan il momento peggiore di questa prima fase di stagione.

Dove si può ancora migliorare?

Ritengo che molti giovani calciatori possano ancora migliorarsi, soprattutto sotto il profilo caratteriale. Ciò permetterebbe loro di sfruttare ulteriormente il loro grande potenziale. Per ottenere tale risultato è necessario che allenatori e compagni di squadra sostengano positivamente i giovani, trasmettendo loro motivazione ed entusiasmo.

Note liete, note dolenti?
L’affiatamento di giocatori ed allenatori della seconda squadra della Valposchiavo Calcio è sicuramente un punto positivo.

Aspetto negativo è il fatto che alcuni giovani calciatori abbiano un poco mollato e li invito pertanto a rientrare a pieno effetto nel gruppo. Infine sono particolarmente dispiaciuto per alcuni messaggi anonimi, codardi ed offensivi apparsi nel libro degli ospiti del sito internet della Valposchiavo Calcio.

Aspettative, traguardi primaverili?

Nel girone di ritorno ci rimboccheremo le maniche per migliorare il nostro gioco e per conquistare una posizione nella prima metà della graduatoria.

Mille grazie!

Redatto da Niccolò Nussio – nic@nussio.ch