11a Sagra della castagna: il programma nel dettaglio

0
20

Una tradizione culinaria, agraria e sociale
Dal 6 al 9 ottobre 2011 il tradizionale evento dedicato alla regina dell’autunno porterà nella bassa Valposchiavo proposte gastronomiche e visite guidate, musica popolare di qualità e incontri su temi d’attualità. In programma una fine di settimana golosa; fra castagne, vino, cultura e atmosfera di festa.

L’Amerigo di Francesco Guccini, che alla fine era poi lo zio emigrato negli Stati Uniti, quando pensava al suo paese natale trovava «…un ricordo lasciato fra i castagni dell’Appennino…». Come se fosse cresciuto negli incavi di quei grossi tronchi quasi neri. Come se l’albero fosse la sintesi di tutto un mondo di fatiche, tradizioni, piaceri, insomma vita. Così è un po’ anche per noi.

Nella parte meridionale della Valposchiavo la castagna rappresenta, infatti, non un semplice alimento, bensì quasi un simbolo, al quale è legata una grande tradizione culinaria, agraria, nonché sociale. Per questo a inizio ottobre le si dedica una festa popolare, che è anche un’occasione per riflettere sul patrimonio culturale e naturale che ci sta attorno e che va tutelato e stimolato.

Giovedì 6 ottobre alle 20.30 presso la Casa Besta di Brusio sarà proiettato Il castagno in pericolo, realizzato quest’anno da Antonio Ferretti per Falò. Il documentario racconta la minaccia del cinipide galligeno, un insetto proveniente dalla Cina che colpisce fatalmente i castagni ticinesi e bergamaschi e che non tarderà ad arrivare da noi. Il filmato sarà presentato dall’autore stesso e la presenza in sala degli specialisti locali permetterà di fare il punto della situazione sulle nostre selve castanili.

Nei giorni a seguire si potranno degustare nei ristoranti convenzionati menu tipici con specialità valligiane e di selvaggina, mentre le castagne di Brusio si posso acquistare già ora presso la ditta Paganini a Campascio e in altri negozi della valle.

Arriverà dunque il 09 ottobre, data in cui si terrà l’evento vero e proprio presso il Centro Sportivo Casai (Brusio). Qui, oltre ai deliziosi cibi e alle bevande del territorio, al mercatino dei prodotti tipici e, naturalmente, alle fumanti caldarroste preparate con cura dai «marunatt», ci sarà un importante intervento musicale. A suonare e cantare saranno i Sonpalaria, gruppo ticinese in un cui strumenti della tradizione popolare come la fisarmonica e la chitarra si abbracciano con tamburi africani e oggetti della vita quotidiana trasformati per produrre musica.

Quest’anno è stato inoltre lanciato un pacchetto turistico abbinato alla Sagra della Castagna intitolato Sapori d’autunno. Come il titolo lascia intuire, gli ospiti saranno deliziati con le prelibatezze del territorio. Invitate dunque anche i vostri amici che vivono lontano!


La Sagra della Castagna è patrocinata dal Comune di Brusio e sostenuta da Swisslos – promozione della cultura, Banca Raiffeisen e Ente Turistico Valposchiavo.

Arianna Nussio
Operatrice culturale Pgi Valposchiavo


P.S.: nell’immagine in evidenza “Giuseppe Arcimboldo – Testa reversibile con canestro di frutta – 1591 circa, olio su tavola; 55,9×41,6 cm New York, French & Company”.