Il PDC Grigioni sostiene le rivendicazioni della Regione Valposchiavo

0
4

11 Regioni per il Cantone dei Grigioni
Il PDC Grigioni si pone in maniera molto critica nei confronti della proposta di riforma territoriale in discussione; detta posizione è stata espressa a chiare lettere anche nella risposta del Partito alla consultazione lanciata dal Governo.


Una semplificazione dei livelli del Cantone, e in modo particolare la riduzione del loro numero, sono visti con favore da parte del PDC Grigioni, che vuole Regioni espressione di un livello intermedio forte e dotato delle necessarie competenze, in modo da permettere loro di svolgere i compiti assegnati in modo efficace ed efficiente. Il PDC Grigioni, pertanto, si aspetta un adattamento legislativo che definisca in modo chiaro ed univoco i compiti delegati alle Regioni. Una loro competenza a livello di riscossione di imposte, al contrario, per il PDC Grigioni non entra in linea di discussione.

Il PDC Grigioni sostiene l’opportunità di lasciare alle singole Regioni il compito di regolare con i Comuni le modalità di espletamento degli incarichi ad esse assegnati. In modo particolare, esso declina la proposta che prevede la presenza esclusiva, negli organi decisionali delle future Regioni, di membri delegati direttamente dagli Esecutivi dei singoli Comuni.

Il PDC Grigioni è favorevole alla variante che prevede 11 Regioni. Non si capisce perchè, infatti, la proposta del Governo preveda che le future Regioni siano praticamente identiche agli attuali Distretti, e solo la Regione Valposchiavo debba essere annessa al Distretto Maloja. Il PDC Grigioni, pertanto, sostiene chiaramente le rivendicazioni della Regione Valposchiavo, oltre che quelle dei territori di Fünf Dörfer/Herrschaft, Imboden e Surselva.

Il valore di una Regione sta nella sua capacità di svolgere i compiti ad essa assegnati; esso non si misura dunque unicamente attraverso la capacità finanziaria o il numero di abitanti, ma soprattutto attraverso criteri linguistici, culturali e storici.

Il successo della Riforma territoriale in consultazione, in ultima analisi, dipenderà dal numero effettivo di Regioni; pertanto, esse non devono rappresentare degli accorpamenti artificiosi e forzati, quanto piuttosto realtà territoriali che hanno una identità propria e nelle quali le soluzioni vengano ricercate e perseguite con cuore e passione!




PDC Grigioni