Fuoco e baccano di buon auspicio

0
46

Il corteo del Pupoc da marz. Anche quest’anno una grande festa! Guarda la galleria fotografica e il VIDEO
Il calendimarzo, ovvero il Pupoc da marz, è una tradizione popolare che ha legami profondi con il passato agreste della Valle.

È una festa che ha lo scopo di scacciare l’inverno per far ritornare la primavera e contiene anche una buona dose di spirito carnevalesco.

L’appuntamento è ancora molto sentito dai giovani della Valle e nei primi giorni di marzo i ragazzi delle terze secondarie portano in sfilata i carri, allestiti nelle settimane precedenti.

Anche quest’anno non è mancato questo rituale. Sotto un cielo plumbeo, il 5 marzo 2012, il corteo è partito dalle Scuole di Santa Maria, è arrivato in piazza, si è voltato e ha fatto ritorno. La carovana è stata accompagnata dal frastuono assordante dei campanacci, delle trombette, degli schiamazzi, che servono ad allontanare gli spiriti dell’inverno. Nei pressi della Chiesa di Santa Maria queste figure allegoriche sono state bruciate dalle fiamme purificatrici e rigeneratrici.

Quest’anno i carri erano tre e simboleggiavano delle tematiche di attualità: il carro di Fukushima che ricorda la triste e sconcertante tragedia della centrale nucleare, il carro che rappresentava il disastro della Costa Concordia e l’ultimo che simboleggiava la pericolosità della guida in stato di ebbrezza. Tutti argomenti su cui riflettere e da bruciare nella speranza che l’umanità migliori imparando dal passato e la cenere possa favorire la crescita di erba e fiori per dare inizio ad una nuova primavera.


Per approfondire


[AFG_gallery id=’12’]