“In riguard al speità”

0
12

La nuova poesia in dialetto di Roberto Nussio
Leggi il brano e ascolta la recitazione dello stesso autore.

 

 

 

 

 

Se sul tuo browser non funziona l’audio-player,
scarica il file audio CLICCANDO QUI.

 

Al culà dal temp, da quel che stait
tra quel ca l’é
e `l vegnarà
ma propri in quel mument,
ca ti ta speitas e `l ta par tütt
ca `l staia ferm
pensig sü ben: al sa dilata.
In lung e in larg, in alt
e `n gran profondità
e `l tè orolocc, al cessa da segnà.
Guarda da fin sta nova dimensiun!
La brascia sü tüt
speranzi e insigürezzi conosüdi
mesc`ciadi a quel ca l`é
e quel ca `n dì al sarà.

E `n tant ta scavas cun fadiga par truà segn
ca `l ta cunfermia ca `l gir l` é sempri quel
o cume ca tüt, urmai, l`é già crodà.
E sa `l sa avera `l mutiv da tant speità
ta restas plütost freit.
L`é vera, in part, ta l’as digià pagà.

Beati ilura quii ca good da la giurnada
Iscì cume la vegn
senza implinì la testa, da trop pensé?

Beh…, speité !

 

Roberto Nussio