Vinitaly 2013: il gusto della Valtellina a Verona

0
12

Un’ottima vetrina per i prodotti made in Valtellina
I vini di Valtellina hanno conquistato la quattro giorni del Vinitaly con degustazioni guidate rivolte ai visitatori presso i banconi comuni e le singole case vinicole, anche quest’anno riunite nella piazza Valtellina.

Oltre 2.000 finger food serviti ad un pubblico di operatori, giornalisti e consumatori che hanno potuto apprezzare la cucina di chef valtellinesi selezionati. La Valtellina al Vinitaly non è stata solo vino, ma anche prodotti tipici, territorio e turismo. Per la quarta edizione la piazza Valtellina ha di nuovo accolto 22 case vinicole insieme a degustazioni dei prodotti tipici.

Le eccellenti perle vinicole della Valtellina, rappresentati da Valtellina Superiore DOCG (con le sue cinque sottozone: Maroggia, Sassella, Grumello, Inferno, Valgella), dallo Sforzato di Valtellina DOCG (un passito di pregio e da meditazione) e il Rosso di Valtellina DOC (presente con il progetto Valtellina Insieme, il vino istituzionale del Consorzio), sono state protagoniste e testimonial dell’intera Valtellina. A fianco dei vini non potevano mancare i prodotti tipici di qualità dell’enogastronomia della Valtellina: Bresaola della Valtellina IGP, Valtellina Casera DOP, Bitto DOP, Mela di Valtellina IGP, Pizzoccheri della Valtellina, miele, dolci come la bisciola e altre squisitezze innovative.

In occasione dell’evento è stato presentato il nuovo sito Internet della Strada dei Vini e dei Sapori della Valtellina, un mezzo tecnologico innovativo per diffondere la conoscenza del territorio della Valtellina e dei prodotti tipici. Il sito è attualmente visibile all’indirizzo: www.stradavinivaltellina.com.

Non solo prodotti, ma anche quattro ore di diretta ogni giorno dallo stand Vini di Valtellina al Vinitaly hanno accompagnato l’intero evento, con interviste alle case vinicole e interventi che hanno raccontato l’intero territorio a un pubblico di oltre 300.000 ascoltatori. Luca Viscardi ha condotto “Gli Inaffidabili”, dallo studio Radio Numberone allestito all’interno della vip room Valtellina, programma condotto con Grant Benson, un binomio di allegria e follia in diretti dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13. Alberto Boldrini ha curato alcune interviste ai produttori delle case vinicole della Valtellina, ripercorrendo le sottozone del Valtellina Superiore DOCG (Maroggia, Sassella, Grumello, Inferno, Valgella), e conducendo in diretta l’approfondimento sportivo Sporting Club, in onda ogni domenica dalle 15 alle 19.

Il Ministero delle Politiche Agricole, presso lo stand istituzionale al Vinitaly 2013, ha ospitato diverse degustazioni dei migliori prodotti italiani. La Valtellina, presente con la Bresaola della Valtellina IGP e una selezione di vini della Valtellina, ha saputo stupire proponendo un accostamento insolito fra il tipico salume e dei vini bianchi. Paola Dolzadelli, responsabile operativa del Consorzio per la Tutela del nome della Bresaola della Valtellina (organizzatore dell’iniziativa), ed Emilio Mottolini, sommelier e produttore di Bresaola, hanno presentato due degustazioni guidate che hanno coinvolto in totale una quarantina di persone. Le bresaole in degustazione sono state selezionate in base a diversi livelli di stagionatura e abbinate a differenti tipologie di vino: dal bianco, al rosato fino ai tipici rossi. I produttori coinvolti con i loro vini sono stati: Mamete Prevostini (rosato), Rivetti & Lauro (bianco), Plozza (bianco), Ar.Pe.Pe (Valtellina Superiore DOCG) e Nino Negri (Valtellina Superiore DOCG). La Valtellina al Vinitaly ha ancora stupito accogliendo numerosi visitatori e mettendosi in mostra attraverso grandi vini e le eccellenze enogastronomiche uniche nel loro genere, con il pieno supporto del Distretto Agroalimentare di Qualità della Valtellina.

Valtellina

 

Le eccellenze agroalimentari della Valtellina ospiti sulla cima di Milano

I prodotti tipici della Valtellina sono diventati protagonisti al 39° piano del palazzo Regione Lombardia in occasione della presentazione della nuova bottiglia Levissima per il canale della ristorazione. Il made in Valtellina si è presentato al grande pubblico milanese attraverso un menu tipico volto a svelare la tipicità della provincia di Sondrio in una location di tutto rispetto. Pizzoccheri, vini di Valtellina, Valtellina Casera DOP, Bitto DOP, Bresaola della Valtellina IGP e tante altre prelibatezze sono state servite. Al termine della serata gli ospiti hanno potuto portare con sé una Mela di Valtellina IGP come ricordo gustoso della Valtellina.


Educazione alimentare: incontri al Parco Bartesaghi

Nell’ambito dei progetti di sensibilizzazione e formazione rivolte al territorio, il Distretto Agroalimentare di Qualità della Valtellina attiverà delle giornate dedicate alle classi quarte e quinte elementari degli istituti limitrofi alla città di Sondrio. Gli incontri si terranno presso il Parco Bartesaghi, nell’ottica di valorizzazione del nuovo spazio verde, e coinvolgeranno oltre un centinaio di bambini.

Le lezioni, tenute dai tecnici dei Consorzi di Tutela, saranno incentrate sui temi dei prodotti tipici locali, della tradizione agroalimentare della provincia di Sondrio e della sensibilizzazione verso il territorio. Avvicinare alla tradizione locale fin da piccoli i futuri adulti, porta sicuramente ottimi risultati per lo sviluppo sostenibile della Valtellina consentendo un apprezzamento più forte rispetto alle eccellenze di qualità della provincia di Sondrio. Il progetto si terrà tra il 13 e il 17 maggio, in una settimana dedicate all’agroalimentare che si aprirà e si chiuderà con i mercatini di Campagna Amica di Coldiretti.

 

Valtellina Che Gusto