Ampliamento stazione Poschiavo: opposizioni sotto esame

0
1

IL BERNINA ha sentito Ferrovia retica e Comune di Poschiavo
Concluso il periodo di esposizione pubblica presso il Comune di Poschiavo, ora la Ferrovia retica valuterà le opposizioni e prese di posizione inoltrate all’Ufficio Federale dei Trasporti (UFT). Si tratta di una procedura lunga. Obiettivo della Ferrovia retica è partire con i lavori di ampliamento a inizio 2016. [Guarda le immagini del progetto]

Durante il periodo di esposizione pubblica dei piani di ampliamento della stazione ferroviaria di Poschiavo, sono state inoltrate alcune opposizioni e prese di posizione all’Ufficio Federale dei Trasporti (UFT), l’autorità responsabile della procedura. Queste verranno trasmesse prossimamente alla Ferrovia retica (FR), titolare del progetto da circa 32 milioni di franchi, di modo che le possa analizzare ed elaborare.

Fra le prese di posizione giunte a Berna, anche quella del Comune di Poschiavo“Fa parte della normale prassi far valere i propri interessi”, ci spiega il capo dipartimento ambiente, traffico e infrastrutture del Comune di Poschiavo Adriano Menghini“Vogliamo che certi punti vengano ridefiniti e coordinati con la nostra pianificazione territoriale. Ma non siamo assolutamente contro al progetto della Ferrovia retica.”

“Cercheremo di andare incontro il più possibile a queste richieste”, afferma il direttore della Regione Bernina Paolo Sterli“Intendiamo evadere le opposizioni con stile collaborativo.” Si tratta tuttavia di una procedura lunga, per la quale bisogna sempre far capo all’UFT. Il progetto sottosta infatti al diritto federale. “Puntiamo ad ottenere il permesso di procedere entro la metà del 2014, così da poter poi realizzare il piano di dettaglio”, continua Sterli: “Questo va ancora verificato dall’Ufficio Federale dei Trasporti. Prevediamo di ottenere il via libera definitivo per la partenza dei lavori verso la fine del 2015. Il nostro obiettivo è partire con la realizzazione dell’opera a inizio 2016.”

La Ferrovia retica intende ampliare la stazione di Poschiavo.

 

La Ferrovia retica si assumerà le spese – 32 milioni di franchi il costo di massima – che sosterrà con l’appoggio di Cantone dei Grigioni e Confederazione, che ogni anno le mettono a disposizione un importo per le infrastrutture. Il progetto di ampliamento, già oggetto di contestazione (leggi gli articoli proposti in calce), può essere suddiviso in tre punti principali:

 

1). Realizzazione di un doppio binario con possibilità di incrocio in movimento fra Poschiavo e Privilasco

Clicca sull’immagine per ingrandirla.

 

2). Rifacimento degli impianti dei binari della stazione di Poschiavo

Clicca sull’immagine per ingrandirla.

 

3). Costruzione di un binario di incrocio e di altri due binari per il deposito di carrozze (ricovero vagoni per manutenzione e revisioni) in zona Pradei.

Clicca sull’immagine per ingrandirla.

 

In questo modo, così la Ferrovia retica, sarà possibile fra le altre cose migliorare la sicurezza per gli utenti e rendere la stazione accessibile alle persone con difficoltà motorie. La FR punta inoltre a migliorare l’estetica delle sue strutture e la situazione sul piazzale a sud della stazione, di modo che le persone possano salire e scendere dai bus in tutta sicurezza. Se i lavori inizieranno come previsto a inizio 2016, dovrebbero concludersi verso la metà del 2018.

Il costo di massima del progetto della FR è di 32 milioni di CHF.

 

Articoli correlati


 Si ringrazia la Ferrovia retica per la messa a disposizione dei piani.