Livigno: urge gestione congiunta traffico transfrontaliero

0
2

Una comunicazione della Regione Valposchiavo
La stagione estiva e l’apertura della Forcola di Livigno riaprono le discussioni sul traffico lungo la Valposchiavo. Traffico prevalentemente proveniente dalla vicina Valtellina.

 

Durante i due incontri del 9 luglio 2012 e del 14 marzo 2013 le autorità politiche, doganali e di polizia italo-svizzere hanno concordato una gestione comune del traffico da e per Livigno. L’obiettivo dell’accordo intendeva definire le competenze ed i responsabili sia dei flussi d’informazione che dell’esecuzione degli interventi in caso di rallentamento del traffico tra l’Italia e la Svizzera dovuto a incidenti, cantieri stradali o passaggio in dogana.

In una lettera del 21 marzo 2013 si sottoponeva all’Assessore ai Lavori Pubblici della Provincia di Sondrio, signora Silvana Snider, un progetto di gestione comune dei flussi di traffico transfrontalieri. La proposta della Regione Valposchiavo prevedeva di designare i responsabili della raccolta di informazioni relative alle problematiche viarie su entrambi i versanti, di incaricarli di un’informazione immediata, trasparente e univoca agli organi competenti di entrambi i Paesi per l’esecuzione delle misure necessarie concordate. Si pensava in particolare alla comunicazione reciproca, all’annuncio su tabelloni luminosi e allo “scorrimento” in caso di colonna persistente al valico di frontiera.

Da parte svizzera si proponeva la Polizia Cantonale quale ente competente per la raccolta di informazioni relative a problemi di viabilità lungo la strada del Passo del Bernina e dell’informazione tempestiva alle autorità italiane competenti: la Polizia di frontiera, la Guardia di finanza, l’Arma dei carabinieri e l’ANAS per quanto riguarda l’informazione sui cartelloni luminosi lungo la SS38. Nel contempo si proponeva di informare la Prefettura di Sondrio, la Provincia di Sondrio, la Regione Valposchiavo e l’Ufficio tecnico del Canton Grigioni. La Regione Valposchiavo, per tramite del Presidente della Commissione traffico Marcandrea Paganini, auspicava la designazione di un interlocutore unico in territorio italiano, responsabile della diffusione delle informazioni.

Tali richieste non sono rimaste lettera morta. In data 24 maggio 2013 l’Assessore signora Snider ha invitato ad un incontro la Regione Valposchiavo, la Polizia Cantonale dei Grigioni, il Questore di Sondrio, i dirigenti compartimentali ANAS, il sindaco di Tirano e il Sindaco di Livigno. Scopo della seduta, la gestione di informazioni sulla viabilità transfrontaliera. Sono emerse soluzioni mirate – sulla base delle proposte inoltrate dalla Regione Valposchiavo in data 21 marzo 2013 – che si possono riassumere in questi termini:

  • Scambio tempestivo e univoco di informazioni riguardanti il rallentamento del traffico dovuto a incidenti, cantieri o passaggio doganale tra la Polizia cantonale Grigioni, l‘Anas e il Comune di Livigno.
  • Diffusione delle comunicazioni da parte dell’ANAS con l‘ausilio di tabelloni luminosi.
  • Posa di 2 tabelloni luminosi nei pressi del ponte sul Poschiavino a sud di Tirano, rispettivamente prima dello svincolo per il Foscagno a Livigno per ottimizzare i provvedimenti.
  • Ricerca di nuove modalità per favorire lo scorrimento del traffico nei momenti di punta. A questo scopo sarà indetto un ulteriore incontro con il Prefetto di Sondrio.

Questo comunicato è consultabile sul sito della Regione Valposchiavo www.regione-valposchiavo.ch


 

La Commissione Traffico della Regione Valposchiavo