Cuccioli cresciuti in un allevamento controllato

0
450

I labrador dell’allevamento “Le Contrade”
Il labrador è un cane docile, affidabile, allegro ed ubbidiente, cane da lavoro ma anche ottimo cane da compagnia per tutta la famiglia. A Brusio c’è chi li alleva come si deve e crescono con le caratteristiche specifiche della razza.

Precisamente in località La Presa è situato l’allevamento “Le Contrade”, fondato nel 1994 da Arturo Zala che tuttora ne è il proprietario. Fin da giovane, Zala coltivava la passione per il mondo cinofilo; solo successivamente è però nato l’interesse per la razza labrador e la realizzazione di un sogno, ossia creare un allevamento specifico in Valposchiavo.

L’allevamento “Le Contrade” è situato in località La Presa

 

I cuccioli accuditi da Zala nascono in locali riscaldati e anche all’interno della cuccia è predisposta una piastra che sprigiona calore. Sono scrupolosamente pesati e controllati tutti i giorni per tre settimane, successivamente almeno ogni settimana e poi ogni sedici giorni. Inoltre periodicamente viene somministrato a loro il vermifugo. Durante il periodo estivo, quando è necessario contrastare le eccessive temperature, vengono messi in funzione dei ventilatori; tutte queste attenzioni servono per garantire ai cuccioli e alle partorienti il miglior ambiente possibile.

Sono scrupolosamente pesati e controllati tutti i giorni

 

Negli spazi dell’allevamento i cuccioli hanno la possibilità di giocare, socializzare tra loro, esplorare il giardino, scoprire il mondo esterno in totale sicurezza, attraversare un tunnel di legno appositamente costruito per loro e approcciarsi con l’acqua grazie ad una piccola piscina. Questo permette ai giovani cani di abituarsi ad ogni oggetto e situazione. Per di più vengono abituati ai rumori forti.

I cuccioli nascono in locali riscaldati e anche all’interno della cuccia è predisposta una piastra che sprigiona calore

 

I labrador sono cani utilizzati anche per compiti impegnativi. Alcuni esemplari nati nell’allevamento “Le Contrade” lavorano attivamente sia nel Soccorso Alpino Svizzero (SAC) sia nel Soccorso Alpino italiano (CNSAS) e vengono anche impiegati per la Pet-Therapie, ricerca di animali feriti e ricerca di droga.

Alcuni esemplari nati nell’allevamento “Le Contrade” lavorano attivamente sia nel Soccorso Alpino Svizzero sia nel Soccorso Alpino italiano

 

Le cucciolate custodite da Arturo Zala sono inserite telematicamente in una banca dati in Germania. Gli animali adulti rientrano nello standard di bellezza e vengono sottoposti a test fisici per escludere eventuali malattie ereditarie o genetiche come ad esempio la displasia all’anca e al gomito. Ma vengono effettuati anche i test EIC (collasso da sforzo o da esercizio) e test PRA (atrofia retinica progressiva) dato che vengono classificati come cani da lavoro. Questi esami clinici sono necessari per poter effettuare gli ulteriori test di attitudine e carattere.

Le cucciolate custodite da Arturo Zala sono inserite telematicamente in una banca dati in Germania

 

Tutto è tenuto sotto controllo, anche da parte del Retriver Club e della Società Cinofila Svizzera che una volta all’anno, all’insaputa del proprietario, effettua severi controlli per verificare l’idoneità della struttura e le condizioni igienico-sanitarie sia dei cuccioli che di tutti gli altri cani tenuti nell’allevamento.

La Società Cinofila Svizzera una volta all’anno, all’insaputa del proprietario, effettua severi controlli

 

Grazie alla dedizione e alla perseveranza di Arturo Zala e sua moglie Renza l’allevamento “Le Contrade” è stato il 13 febbraio del 1997 corredato con l’insegna d’oro della SCS che ne garantisce l’affidabilità e la qualità.

L’insegna d’oro della SCS conseguita il 13 febbraio del 1997

 

Arturo Zala conclude affermando: “Non amo vantarmi del mio lavoro e soprattutto dell’insegna d’oro che è stata attribuita al mio allevamento, non la uso a fini commerciali o pubblicitari; infine non ne sono particolarmente fiero, voglio allevare i miei cani come vorrei fossero allevati per me”.

GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA

[AFG_gallery id=’102′]