Musica è suono, è vibrazione, è energia

0
8

Scopri il musicista del concerto del 25 e 26 luglio
Discussione a Poschiavo del 20 luglio 2013 fra Marshall Allen e KA.

 

Marshall Allen, direttore musicale del Sun Ra Arkestra: musica è suono, è vibrazione. Tu senti tutti questi suoni – questo è musica. È nell’aria per chi li può sentire. L’anima di una persona assorbe tutto ciò che ha bisogno per sé, il suo spirito, la sua mente. Sono cose che conosci e cose che sono sconosciute per te. Qualsiasi cosa che faccia, qualsiasi suono che viene prodotto, tu ricevi qualche cosa di cui hai bisogno.

Così esistono tanti suoni e cose per ogni persona che ne ha bisogno. Senti un complesso o qualcuno suonare e tu apprendi qualcosa che hai bisogno. Senti delle cose che ti rendono felice o triste. La musica ti fa felice o ti fa piangere o ti fa ridere – come ieri sera (in riferimento al concerto con Maria Lucchese, Matthias Bauer e KA ne Lo Spazio Poschiavo del 19.7) la gente sorrideva, è il modo in cui i suoni erano trasmessi attraverso l’anima… non puoi spiegarlo semplicemente – it’s from the spirit – viene dallo spirito, dall’anima delle cose. Se la tua anima si lascia sollevare dallo spirito, allora ce l’hai, ridi, ti senti bene, ti senti felice, qualcosa che lo crea.

 

KA: E tutto questo è nella musica, nel suono?

Marshall Allen: Sì, questo è tutto nella musica, contenuto nel suono. Prendi per esempio questo suono tum-tum-tum-tum-tum (batte le mani), suona come quando fai un buco nel legno con un trapano, diventa velocemente noioso. Se tu ascolti un bum-bum-bum suono e un altro come dong-dong, questo ti può rendere gioioso per breve tempo, ma non per molto. La musica è tutto questo, tuttavia io non ti bucherò il sistema nervoso con detti suoni. Per esempio du-dung e du-iii non ti fa crollare. Oppure il rumore dei lavori in corso che ti ha irritato recentemente. Per un tempo limitato può essere ok, ma non lunghe ripetizioni, altrimenti questo ti dà sui nervi.

Musica, in particolare quella della notte scorsa non diventa noiosa. Questa musica contiene molti suoni: delicati, energici, intensi, leggeri… osserva come hai suonato e osserva come la gente ha reagito: i suoni li facevano ridere e li rendevano felici. Qui si tratta di suoni, dell’anima delle cose. Non ho da aggiungere nient’altro. Se la gente ascolta qualcosa che ama o che è divertente come ieri, allora è felice e ride, le vibrazioni cambiano, appare felice perché qualcosa l’ha resa felice e era divertente. Questo ha fatto bene e le persone se ne sono andate cariche di energie. Voler definire musica e suono è difficile perché esistono così tanti suoni che noi nemmeno sentiamo, ma che siamo in grado di sentirli. È così come qui fuori adesso: i suoni sono tutti intorno a te, dappertutto, ma tu ti senti meglio in casa a causa di questi suoni. Noi possiamo solo percepire minuscoli suoni, malgrado ce ne siano tanti in giro. Per esempio si va in montagna per cercare i suoni del silenzio e per percepire le vibrazioni di questa energia. Produrre energia – come la notte scorsa creare energia nella gente, forza energetica, e così ci si sente bene, rilassati e felici. Spiegare la musica… tu devi semplicemente venire e ascoltare.

 

KA: Vivere la musica invece che spiegarla.

Marshall Allen: Sì, parlare di musica che si parla in un quadrato (disegna con il dito un quadrato sul tavolo, i lati sono i limiti). Non esiste limite delle cose. Tu vieni ad un concerto e trovi qualcosa di cui hai bisogno da tutta questa musica e ti senti bene. Musica ti stimola. Musica fa molte cose per diverse persone. Tu suoni musica, suoni vibrazioni per persone che vengono ritenute matte e loro stanno sedute attente, ascoltano e non sembrano assolutamente matte. La musica li fa vibrare. Abbiamo suonato in una clinica psichiatrica in cui la gente dovrebbe essere matta, erano in un’altra dimensione tuttavia, suonando per loro i suoni li hanno calmati. E questo significa: „music soothes the savage beast“, „ musica calma l’animale selvaggio“. Alcuni suoni eccitano, altri calmano. Noi abbiamo suonato suoni cosmici come psicoterapia. I cosiddetti matti hanno percepito un attimo di stimolazione che li ha trasportati altrove. Questa era musica curativa che ha provato che questa funziona con i malati psichiatrici. Era una vera esperienza che i suoni cosmici sono psicoterapeutici.


KA: Gli sciamani lavorano anche con i suoni, con i tamburi e la voce. E guariscono persone attraverso i suoni che creano per loro. La vibrazione del tamburo fa vibrare il tuo corpo e probabilmente essa riorganizza il corpo al livello sonoro, cosicché tu puoi conoscere un’altra dimensione così proprio come hai detto tu.

Marshall Allen: Sì, questo suono di boom ti straccia, mentre un suono calmo ti calma e ti fa vibrare. Musica è suono, suono come il tuo corpo. Questo ti viene insegnato da bambino, „sound body sound mind“ – con ciò è pensato musica: il corpo sonoro, la psiche sonora oppure corpo sano, anima sana. Tu rimani sano, pieno di energie e cosciente. Sound = suono viene dal sound = sano. Fa la cosa giusta al momento giusto – la musica stimola tutto l’insieme.


CONCERTI

  • 25 luglio 2013, ore 20:30 VINERIA TIRANO
  • 26 luglio 2013, ore 20:30 LO SPAZIO POSCHIAVO

Per saperne di più: 


 

 

Cornelia Müller, Poschiavo