Un clic per Ursina sul Piz Bernina

0
90

Vota Ursina Badilatti; hai tempo fino al 17 agosto!
L’atleta valposchiavina è in gara con altri cinque per ottenere uno dei due posti che consentono di affrontare la prestigiosa scalata del Piz Bernina accompagnati da una guida professionista. Sarà scelto chi otterrà più voti online.

“Poter scalare il Piz Bernina è il mio sogno nel cassetto. Non ci sono mai stata”, ci confida l’atleta valposchiavina Ursina Badilatti. Un sogno che grazie ai lettori e alle lettrici de IL BERNINA, ora si potrebbe realizzare a breve. La scorsa primavera Ursina si è iscritta al concorso promosso dalla Bergsteigerschule Pontresina (scuola d’alpinismo, ndr) in collaborazione con il giornale Engadinerpost, che mette in palio dei posti per la prestigiosa scalata con l’accompagnamento di una guida professionista.

Il Piz Bernina, la meta da raggiungere, con la famigerata cresta del Biancograt.

 

Ora la sportiva di casa nostra è stata selezionata fra i sei finalisti su un centinaio di partecipanti. I posti messi a disposizione sono però soltanto due. Ad aggiudicarseli sarà chi otterrà più voti online. Per consentire ad Ursina Badilatti di vivere questo sogno bisogna dunque salire sulla pagina online dell’Engadinerpost e votarla con un semplice clic.

Le votazioni saranno chiuse il 17 agosto a mezzogiorno. Dopodiché si conoscerà il nome dei due fortunati atleti. La scalata è prevista per la fine di agosto. La partenza sarà da Pontresina. Attraverso la Val Roseg verrà raggiunta la Capanna Tschierva. Qui i vincitori dormiranno alcune ore, per poi avviarsi verso le 3 di notte alla conquista del Piz Bernina (4049 m s.l.m), affrontando prima la Fuorcla Prievlusa, poi la famigerata cresta del Biancograt.

Ursina Badilatti davanti alla sede de IL BERNINA.

 

La Bergsteigerschule Pontresina, che ha ideato questa proposta per celebrare i suoi 50 anni di vita, non ha lasciato nulla al caso. I sei finalisti hanno già avuto modo di sostenere delle giornate di formazione su come affrontare ghiaccio e pareti rocciose. Sempre nell’ambito della preparazione, hanno inoltre potuto provare il brivido dell’altezza raggiungendo il Piz Morteratsch (3751 m s.l.m).