La legge sul trasporto di merci necessita di correttivi

0
4

Comunicazione della Cancelleria dello Stato dei Grigioni
Il Governo cantonale è contrario a una riduzione dei mezzi federali destinati all’incentivazione del traffico merci ferroviario.

La revisione totale della legge sul trasporto di merci così come presentata comporta conseguenze incisive per i Cantoni di montagna e per le ferrovie regionali.

Il Governo grigionese esprime riserve in merito alla prevista revisione totale della legge federale sul trasporto di merci. In sintonia con la presa di posizione della Conferenza dei direttori cantonali dei trasporti pubblici, si oppone a un coinvolgimento dei Cantoni nel cofinanziamento del traffico merci ferroviario, previsto dal nuovo diritto federale.

Come osserva il Governo grigionese nella sua presa di posizione, esso respinge la prevista forte riduzione, da 30 a 12 milioni di franchi negli anni dal 2015 al 2018, dei contributi d’esercizio della Confederazione per l’incentivazione del traffico merci ferroviario. Ne sarebbero negativamente interessati in particolare i contributi d’esercizio, già oggi insufficienti, a ferrovie a scartamento metrico nelle regioni di montagna. Viene anche respinta una partecipazione minima del 50 per cento dei Cantoni nell’ordinazione di prestazioni del traffico merci. Ciò provocherebbe un considerevole onere supplementare per i Cantoni, in particolare per quanto riguarda le ferrovie regionali. Il Cantone dei Grigioni non può nemmeno condividere la cancellazione degli aiuti finanziari della Confederazione al rinnovamento di impianti di raccordo esistenti. Una copertura dei costi totali non è possibile nemmeno in caso di infrastrutture private; le attuali possibilità di incentivazione vanno perciò mantenute. In conclusione, il Governo propone alla Confederazione un monitoraggio annuale. Qualora il rapporto tra traffico merci ferroviario e traffico merci generale in Svizzera dovesse scendere sotto una certa quota, andrebbero adottate misure di incentivazione limitate nel tempo.

Con la revisione totale della legge sul trasporto di merci, la Confederazione presenta una strategia globale volta a incentivare il traffico merci ferroviario sull’intero territorio nazionale. Nel concetto di “intero territorio nazionale” è incluso qualsiasi trasporto di merci su ferrovia in Svizzera, fatta eccezione per il traffico di transito attraverso le Alpi.