Beni culturali: innovazione e tradizione

0
2

Nuovi corsi del Polo Poschiavo – Da febbraio ad aprile 2014 tre appuntamenti formativi, a Teglio, Morbegno e Poschiavo.

 

Protezione, valorizzazione, gestione dei beni culturali tra innovazione e tradizione

Al via i corsi di formazione e di aggiornamento professionale del progetto Interreg “La Conservazione Programmata nello spazio comune Retico”

Il progetto Interreg “La Conservazione Programmata nello spazio comune Retico” giunge ad un importante passo del suo sviluppo con l’organizzazione di attività di formazione finalizzate a creare nel nostro territorio transfrontaliero specifiche competenze attorno alle tematiche cardine del progetto stesso.

Il progetto, iniziato la scorsa primavera, è stato promosso allo scopo di valorizzare ed ampliare la significativa rete di relazioni e di competenze che si è costituita sul territorio valtellinese a seguito delle attività di ricerca con profilo tecnico – scientifico nel settore della conservazione degli edifici monumentali sviluppate nell’ultimo decennio. In questo ambito esso intende porsi come caso modello di approccio alla conservazione e gestione del patrimonio culturale nel territorio alpino, perseguendo una significativa ricaduta sia in termini culturali che in termini occupazionali sul territorio di riferimento.

Rendere la conservazione “programmata” significa attuare una visione di lungo periodo che fa rientrare il patrimonio architettonico e paesaggistico tra i motori di uno sviluppo sostenibile in senso ambientale, economico, sociale e culturale. Tra le attività strategiche previste, particolare rilievo assumono le attività di formazione e di aggiornamento professionale, nell’ambito delle quali vengono presentate le nuove tecnologie e le nuove pratiche per conseguire una cura continua ed efficace del patrimonio culturale. Tali attività, pensate sia per i tecnici che per gli operatori nel settore, hanno particolare valenza transfrontaliera in quanto coinvolgono, sia come docenti che come partecipanti, soggetti provenienti dai due lati del confine allo scopo di attivare un positivo confronto e scambio di esperienze.

L’attività attualmente al nastro di partenza è rivolta principalmente a professionisti, amministratori, tecnici e studenti universitari e prevede sei incontri formativi, organizzati congiuntamente con l’Ordine degli Architetti PPC e con l’Ordine degli Ingegneri della provincia di Sondrio ed in collaborazione con il Politecnico di Milano, che affrontano quelli che sono i temi più nuovi e urgenti: la protezione e valorizzazione dei beni, la relazione tra interventi e gestione, la compatibilità tra tecniche tradizionali e innovative, la digitalizzazione delle procedure amministrative e progettuali, le tecniche di diagnostica e di ispezione.

Il corso risulta strutturato in due moduli ognuno articolato in tre incontri:

  • MODULO A “GLI STRUMENTI” che si svolgerà da febbraio ad aprile 2014
  • MODULO B “LE TECNICHE” che si svolgerà da settembre a novembre 2014

Gli incontri si terranno in varie sedi sia sul territorio valtellinese, sia sul territorio della Valposchiavo e saranno articolati nell’arco di una giornata prevedendo in mattinata presentazioni in aula e nel pomeriggio la visita guidata ad un edificio monumentale che può rappresentare un caso di studio significativo per il tema trattato. Le lezioni del modulo A del corso si terranno il 28 febbraio a Teglio, il 21 marzo a Morbegno e l’11 aprile a Poschiavo.

Le iscrizioni devono essere inviate alla Fondazione di Sviluppo Locale entro il 14 febbraio 2014 compilando l’apposito modulo che può essere scaricato dal sito www.distrettoculturalevaltellina.it.

I temi che verranno affrontati nei primi tre incontri sono:

  1. CONSERVAZIONE PREVENTIVA E PROGRAMMATA (CPP) E GESTIONE DEI BENI
  2. COERENZA TRA CPP E TECNICHE DI INTERVENTO
  3. RICONOSCIMENTO UNESCO E PROTEZIONE DEI SITI

Il costo di partecipazione al Modulo A è di EUR 40 previsti per coprire le spese dei 3 pranzi. Il progetto “CPRE” è finanziato all’interno del programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera e coinvolge un partenariato di enti tra i quali la Fondazione di Sviluppo Locale di Sondrio è capofila italiano e la Regione Valposchiavo è capofila svizzero.

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi alla:

 

Cassiano Luminati
Coordinatore del Polo Poschiavo


[annuncio a pagamento]