Scelta Podestà scontata ma l’ostacolo era il disinteresse

0
5

PDC Valposchiavo
Commento votazioni federali e cantonali del 28 settembre 2014.





Votazioni federali

1. Iniziativa popolare: “Basta con l’IVA discriminatoria per la ristorazione”

Lo spauracchio della perdita di milioni a scapito del’IVA in questo settore, ha probabilmente portato il popolo svizzero a rifiutare l’adeguamento dell’IVA per la ristorazione. L’esercizio avrebbe poi provocato una controreazione, che quanto perso in questo settore sarebbe poi dovuto essere ricercato da un’altra parte. Dunque, l’adeguamento dell’IVA avrebbe reso evidente la perdita massiccia di entrate fiscali. Inoltre non era ben chiaro se la diminuzione del tasso IVA si fosse manifestata sul prezzo del prodotto al cliente o se invece si trattava di un unico vantaggio per l’esercente. Molti hanno classificato la situazione discriminatoria, altri invece l’hanno ritenuto un esercizio a vuoto. Il PDC ha ritenuto di dover sostenere l’iniziativa, che purtroppo il popolo ha massicciamente respinto.

Il 28.5 % dei suffragi sono andati a favore, il 71.5 % dei suffragi e 23 Cantoni hanno respinto l’iniziativa. Le cose rimarranno per tanto come finora.

2. Iniziativa popolare “Per una cassa malati pubblica”

Gli argomenti presentati sui media per una “Cassa malati unica” non hanno saputo convincere il cittadino. L’allusione a una diminuzione dei costi creando una cassa unica non ha trovato la necessaria convinzione poiché non sono le Casse malati a far lievitare i costi, ma le necessità sempre più impellenti di creare una medicina perfetta sotto ogni aspetto. Le apparecchiature sono sempre più costose, la preparazione degli addetti ai servizi deve essere sempre più approfondita, le pretese del paziente non hanno più limiti.

La Cassa malati unica avrebbe inoltre archiviato definitivamente il principio della concorrenza, principio che limita sicuramente le impennate dei costi. Anche per questa votazione si nota una certa discrepanza fra la Svizzera romanda, più propensa all’accettazione di fronte al bastione svizzero tedesco che ha ritenuto necessario respingere l’iniziativa. La parola PDC era di respingere l’iniziativa.

Il 38.1 % dei votanti era pro iniziativa, il 61.9 % contro l’iniziativa sostenuti da 19 su 4 Cantoni.


Votazione cantonale

1. Legge sulla riforma della perequazione finanziaria del Cantone dei Grigioni (Legge mantello sulla riforma PF)

Finalmente la riforma della perequazione finanziaria supera l’ostacolo popolare e può essere messa in vigore. La legge è stata accettata oggi con 32019 SI contro i 16431 NO. Nel 2010 il popolo grigionese era stato chiamato ad esprimersi sempre su questa legge, che venne però respinta con un lieve scarto di voti. I lavori per un nuovo adeguamento della PF furono iniziati nel 2012. Con questi adeguamenti la legge venne ora ripresentata al popolo che ha dato il suo consenso. La nuova legge è più snella e tiene maggiormente conto degli oneri fiscali dei Comuni, in quanto si sono scelti nuovi parametri per una più equa ripartizione della perequazione finanziaria. Il Comune di Poschiavo otterrà dei vantaggi da questa nuova situazione, migliorando non di poco la sua posizione economica.


Elezioni comunali

Elezione del Podestà e del Consiglio comunale a Poschiavo per il quadriennio 2015-2018

La corsa all’Esecutivo comunale è stata interessante in quanto per 5 seggi c’erano in lizza 6 candidati. Quale candidato unico la scelta per il Podestà appariva invece più scontata, anche se, il disinteresse generale, poteva apparire come l’ostacolo più insidioso. Con i 1016 voti ricevuti il nostro candidato Alessandro Della Vedova ha ottenuto un risultato di tutto riguardo, che lo ricompensa ampiamente del lavoro svolto durante il suo primo mandato. Ci felicitiamo vivamente con Alessandro per la brillante rielezione e ringraziamo tutto l’elettorato per aver creduto nell’azione del Podestà, conferendogli in modo così massiccio e convinto la preferenza.

A tutte le altre forze elette nell’Esecutivo comunale il PDC Valposchiavo augura un proficuo lavoro nella nuova legislatura, affinché la collegialità ed il bene comune abbiano il sopravvento nell’affrontare le sfide che attendono il comune negli anni a venire.


Comitato PDC Valposchiavo