L’APE, le origini

0
8

Nel 1940 Alfonso Tosio fonda l’APE
In occasione del 75esimo della fondazione dell’Associazione Poschiavina Esploratori intendiamo pubblicare alcuni contributi sul mondo scout!

Nel 1940 l’Europa è scossa dal secondo conflitto mondiale. Anche se la Svizzera si dichiara neutrale gli effetti sconvolgenti della guerra si ripercuoto anche sul nostro piccolo paese. Gli uomini sono chiamati alle armi per difendere i confini nazionali, le provviste sono razionate, e le scuole rimangono chiuse per periodi prolungati anche in Valle. In questo clima di incertezza nasce il bisogno di dare ai giovani una nuova speranza. In quel tempo il movimento scout era in larga espansione in tutta Europa. Erano anche anni di cambiamenti e di emigrazione. Fortunatamente in quel periodo un giovane pasticcere valposchiavino, Alfonso Tosio, tornava dall’estero. Proprio in Inghilterra, Aquila, questo il nome scout di Alfonso, ebbe l’occasione di conoscere e avvicinarsi al mondo scout. Fu quindi con grande entusiasmo che accolse la richiesta dei genitori e nel giugno del 1940 fonda l’APE.

Inizialmente l’associazione conta solo una quindicina di adesioni ed è separata confessionalmente. Il successo dell’organizzazione è immediato e conta sempre più iscritti che sotto la guida di Acquila fanno spedizioni nel bosco, scampagnate e giochi, ma imparano anche ad usare la carta geografica, la bussola, a conoscere l’alfabeto Morse; esercitano alcuni rudimenti di primo soccorso ai feriti e anche un po’ di botanica e zoologia.

Gita a Milano

Un anno dopo, nel 1941, l’APE partecipa al suo primo campeggio cantonale, ed entra così di fatto negli annali dello scautismo grigionese.
Le sorti delle società non sono però sempre costanti. Già allora si registrano alcuni anni dove è evidente la difficolta di trovare dei validi monitori in grado di stimolare e motivare i giovani, nonché di creare attività in linea con gli insegnamenti scout. A causa si questo durante gli anni sessanta l’attività della sezione è limitata e non sempre regolare. Fortunatamente questo periodo negativo termina alcuni anni dopo, e negli anni settanta c’è una rinascita, un rinvigorimento, forse dovuto ad un nuovo bisogno della gioventù di avvicinarsi, conoscersi e di avere un posto in cui incontrarsi, o forse al fatto che alla testa dell’Associazione sono subentrate delle persone nuove, giovani e con tante buone idee e volontà. In questi anni comincia anche il successo delle squadre dell’APE agli incontri con le altre sezioni scout del Cantone e non.

Nel 1975, per la prima volta una pattuglia di lupetti vince il premio dell’annuale giornata di giochi per tutti i lupetti del Cantone e nel 1977, al campeggio di Pentecoste a Trimmis, una squadra di esploratori, i Bolidi, vincono l’ambito trofeo.

La vittoria dei Bolidi nel 1977

Il loro successo si ripeterà per ben sette volte. Altra squadra che porterà più volte premi in valle sono i Thugs, la pattuglia di Brusio.
A prova della grande energia di cui l’APE gode in questi anni, e di cui gode ancora, sono anche i campeggi estivi. Mentre prima ci si limitava alle escursioni fra le nostre montagne, dal 1978 in poi i monitori, con grande impegno organizzativo, offrono ai giovani partecipanti dei viaggi e dei soggiorni in diversi posti in tutta la Svizzera.

1983, gita sul Monte Bianco

Per coronare questo successo la popolazione è invitata ai festeggiamenti per i 75 anni che si terranno in concomitanza con la tradizionale spaghettata sabato 19 settembre 2015 dalle 11.30 presso la Piazza Comunale.
E dalle 17.30 serata scout e cena presso la capanna APE (annuncio obbligatorio) Annunci e informazioni a VIM c/o Nicola Passini, via da Manerbul 1063, 7742 Poschiavo, nicola.passini@bluewin.ch / tel. 079 673 78 73


Per commemorare l’evento è stato ideato il Vino del Giubileo: si trova in vendita presso l’enoteca A. Jochum, il negozio Andrea Pozzy e presso EGP Paganini Frutta e Verdura.

Sempre Pronti!
Primo
www.apeposchiavo.ch


Articolo correlato: