Impianto fotovoltaico sui tetti delle Scuole di Santa Maria

0
8

Consentirà di evitare ogni anno l’emissione di circa 20 tonnellate di CO2
Repower ha collegato alla rete di distribuzione un nuovo impianto fotovoltaico situato sui tetti delle Scuole di Santa Maria a Poschiavo. La nuova struttura è stata realizzata in stretta e proficua collaborazione con il Comune, sfruttando in tal modo le sinergie legate al rinnovamento del tetto delle scuole, garantendone l’integrazione architettonica e offrendo informazioni a fini didattici.

Il nuovo impianto fotovoltaico di Poschiavo ha una potenza di 37,44 kWp (kilowatt peak) e si compone di 144 moduli ripartiti su una superficie di 800 mq. In una seconda tappa verrà utilizzata un’ulteriore superficie di 700 mq. L’impianto, il cui ciclo di vita è stimato a oltre 30 anni, è stato fornito e montato da ditte svizzere, i moduli sono stati sviluppati in Germania, mentre l’installazione elettrica è stata eseguita da un’impresa della Valle di Poschiavo. La struttura statica dell’impianto tiene pure conto delle forti sollecitazioni meteorologiche dovute al vento e alla neve.

Verranno generati circa 43.000 kilowattora di elettricità solare ogni anno, corrispondenti ai consumi di una dozzina di utenze domestiche. Dal punto di vista matematico e teorico l’impianto consentirà di evitare ogni anno l’emissione di circa 20 tonnellate di CO2. L’investimento della prima tappa ammonta a circa 180.000 franchi. Si tratta di un impianto improntato all’efficienza e all’economicità, che offre le necessarie garanzie di origine.

Repower risponde alle esigenze locali
Per Repower si tratta dell’ottavo progetto fotovoltaico nel Cantone dei Grigioni. Gli altri sonostati realizzati a Landquart, Ilanz, Samedan, St. Moritz (2) e Bever. Repower detiene inoltre una partecipazione in un impianto fotovoltaico a Disentis. Va sottolineato che le nostre regioni di montagna offrono ottime condizioni meteorologiche (irradiazione solare, temperatura) per il funzionamento di impianti fotovoltaici.

Repower collabora con circa 100 piccoli produttori privati al fine di disporre di sufficienti quantità di energia solare per coprire i consumi di Purepower e Solarpower. Entrambi i prodotti sono certificati naturmade star, un marchio di qualità che garantisce il rispetto di requisiti ecologici molto severi. Ciò comporta tra l’altro il prelievo di una parte del sovrapprezzo collegato al modello ― diffuso in tutta Svizzera ― d’incentivazione delle rinnovabili per la costruzione di nuovi impianti. In questo modo i clienti di energia verde incentivano direttamente la realizzazione di nuove infrastrutture per la generazione di elettricità da fonte solare, eolica e biogas.

Ricordiamo infine che Repower, che produce principalmente energia idroelettrica, promuove anche progetti per l’integrazione delle altre fonti di energia, fra cui le nuove rinnovabili come fotovoltaico, eolico e biomassa. Queste tecnologie diventeranno pienamente efficienti in un futuro prossimo, grazie al supporto dei cosiddetti sistemi intelligenti di gestione e integrazione.