Nadia Branchi racconta il suo emozionante giro con il bob a quattro

0
2

“L’agitazione ha iniziato a farsi sentire”
(di N. Crameri)
Nadia Branchi, vincitrice del concorso organizzato dalla Ferrovia Retica e dall’Olympia Bob Run di St. Moritz, ci racconta la sua emozionante esperienza sul bob a quattro.

 

In seguito alla discesa su bob con la poschiavina Luisa Costa, IL BERNINA propone l’intervista a Nadia Branchi, una dei tre vincitori del concorso messo in palio in occasione del battesimo del bob a quattro all’Olimpia Bob Run di St. Moritz.


Sabato 23 gennaio hai avuto l’occasione di poterti recare a Celerina per ritirare il premio: cosa conteneva il pacchetto vittoria?
Il pacchetto vittoria conteneva innanzitutto una discesa taxi sul nuovo bob a quattro Glacier Express all’Olimpia Bob Run di St.Moritz, che comprendeva l’affitto del casco per la discesa; in seguito, al termine della discesa, ho ricevuto un diploma personale “Battesimo del bob”, un pin come souvenir e una bottiglia di prosecco per festeggiare la vittoria.

Nel pacchetto era compresa anche la possibilità di portarsi un accompagnatore. Chi hai scelto?
Ho deciso di portarmi la mia amica del cuore Manuela Manfredotti-Branchi, perché desideravo stare in sua compagnia e condividere con lei un momento speciale.

Puoi raccontare ai nostri lettori come si è svolta la giornata?
In compagnia delle nostre famiglie, Manuela e io ci siamo recate in automobile fino a St.Moritz. Dopodiché ci hanno consegnato il numero di partenza e ci hanno avvisato che avremmo dovuto pazientare fino al termine della gara di bob in atto. L’attesa è stata alquanto interessante, non avendo mai assistito ad una discesa simile: per me è stata un’emozione forte poter seguire le discese su schermo gigante.

Nadia e l’amica Manuela simulano la prova

 

Ti ha colpito qualcosa in particolare, osservando la discesa, sapendo che poco dopo sarebbe stato il tuo turno?
La velocità che raggiungevano i bob mi ha colpita in modo particolare: infatti, l’agitazione ha iniziato a farsi sentire!

Al termine della gara e della premiazione siete salite sul bob. Cosa hai provato durante la discesa?
Dopo che ci hanno consegnato il casco, ci siamo preparate alla partenza per iniziare la nostra avventura. Con noi due sono saliti pure Martin Galliker, il pilota, e Moreno Beti, in veste di frenatore. Durante la discesa ero molto tesa e ansiosa, ma ricordo di essere stata pure curiosa di vivere per la prima volta un’esperienza simile.

Non hai nemmeno avuto il tempo di realizzare di essere partita che Moreno Beti ha iniziato a tirare il freno… Cosa hai provato all’arrivo?
Ero molto emozionata e felice dell’avventura vissuta! In seguito sono iniziati i festeggiamenti con tanto di prosecco offerto, souvenir e consegna dei diplomi.


Articolo correlato: