GGC: nel 2015 circa 40’000 visitatori

0
128

Romeo Lardi resta alla guida anche per il prossimo triennio
(di I. Falcinella)
Si è svolta venerdì 15 aprile alle ore 20.00, presso l’Albergo Suisse di Poschiavo, l’annuale assemblea dei soci del Giardino dei Ghiacciai di Cavaglia (GGC). 

 

Prima di cominciare viene segnalata l’assenza giustificata dell’attuario Moreno Raselli, neo presidente Pgi, andato ad assistere a un concerto in Austria. A redigere il protocollo, in sua vece, il membro del comitato e direttore dell’Ente Turistico Valposchiavo, Kaspar Howald. Dopo un breve saluto in tedesco agli ospiti “oltre Bernina”, si è tenuto un doveroso omaggio ai 5 membri dell’associazione venuti a mancare nel corso del 2015, osservando un minuto di silenzio.

In partenza, – dichiara Lardi – avevo definito il 2015 come anno di transizione, privo di grandi eventi; sarebbe stato dedicato principalmente a portare avanti le migliorie necessarie. Col senno di poi è stato lo stesso un anno molto intenso e mi ha reso molto orgoglioso, soprattutto l’incremento delle visite al nostro sito internet”.

 

Il sito www.ghiacciai.info (tradotto in 4 lingue), pur essendo, per stessa ammissione di Lardi, “obsoleto” (ovvero creato con i sistemi di parecchi anni fa), ha ottenuto un incremento medio del + 14% di visitatori rispetto al precedente anno. Da gennaio a marzo 2016 l’incremento è stato addirittura del + 52%.

I soci iscritti al GGC hanno superato le 2’000 unità, annoverando 47 membri dall’estero e anche nuovi soci sostenitori.

Il totale delle visite al Giardino dei Ghiacciai, nel 2015, ha sfiorato le 40’000 presenze, suddivise in gruppi con guida (circa 212 gruppi per 2’242 persone) visitatori del Punto Info e Kiosk (circa 7’758) e visitatori senza guida (circa 30’000).

“Ringrazio tutti i volontari – dice il Presidente – ; solo grazie a tutti loro è possibile far funzionare la macchina del GGC. Si calcola che, sommando le ore di volontariato in totale, fino ad ora, abbiamo raggiunto i 3’285 giorni di lavoro; credo basti questo per spiegare l’importanza di chi ci sostiene in questo modo”.

Le attività svolte dal GGC nel 2015:

  • eliminazione ultimi danni della neve invernale 2013/2014
  • manutenzione sentieri
  • migliorie sentiero di zona Puntalta
  • realizzazione di lastricato davanti alla baracca
  • pulizia interna marmitte (eliminazione muschio)
  • gestione Kiosk – punto info presso il GGC: luglio-settembre
  • visite guidate
  • aperitivi – spuntini – pranzi per gruppi estate 2015
  • dott. Maurizio Azzola: (Rotary Club di Sondrio) campagna di indagine sismica passiva riguardante la ricerca di ulteriori marmitte dei giganti. Motti da Cavagliola
  • collaborazione con Bernina Glaciers
  • inizio lavori riguardanti “corporate design manual”
  • colloqui con S. Castelletti riguardante l’elaborazione di un modello tridimensionale dell’area GGC
  • distribuzione materiale informativo GGC Val Poschiavo – Engadina – Ferrovia Retica
Dopo aver appurato, insieme al cassiere Silvano Cortesi e al revisore Enea Godenzi-Zanetti, che il conto economico 2015 è perfettamente in ordine (il bilancio al 31 dicembre 2015 presenta 12’691 CHF di utili depositati presso le banche ed una scorta di 7’164 CHF), si passa a ringraziare i 3 membri dimissionariMoreno Raselli, in carica dal 2011, vista l’assenza, verrà ringraziato pubblicamente il 6 agosto prossimo. Sandro Marchesi, entrato nel 2004 come delegato più giovane, a volte critico, ma sempre innovativo e impegnato al massimo. Luigi Godenzi, prima membro del comitato e poi revisore.

Si continua poi con le nomine, approvate all’unisono con un applauso. Romeo Lardi offre la sua disponibilità per altri 3 anni di presidenza, ringraziando i presenti per la fiducia concessagli e assicurando che farà del suo meglio per ripagarla. Federico Crameri, Silvano Cortesi, Kaspar Howald, Giovanni Lardelli e Franco Compagnoni vengono riconfermati nei loro ruoli.

I nuovi volti, prima nominati e poi subito dopo eletti sono:

  • Giovanna Florin
  • Mauro Vassella
  • Gian Paolo Lardi
  • Daniele Trojer (giovane nuovo revisore)

La serata prosegue con la presentazione delle numerose iniziative future: a risaltare il nuovo libro-gioco per bambini del GGC, “I segreti del gigante Grummo” (inzialmente intitolato “Come Grummo è diventato un gigante”). Questo libretto, donato gratis ai bambini in visita, consentirà di giocare con una parola chiave e un percorso composto da 7 stazioni da completare, sarà disponibile sia sul comprensorio del Morteratsch sia al Giardino dei Ghiacciai. Creata per l’occasione, in collaborazione con l’Erboristeria Raselli, la tisana Grummo e, con la Macelleria Scalino, la spezia Grummo.

“I bambini sono i primi clienti del futuro, – spiega Lardi – saranno quelli che torneranno a visitarci da grandi, poi coi figli e soprattutto con i nipoti quando saranno nonni”.

In previsione anche la pubblicazione del volume: “I ghiacciai del Bernina, dove i ghiacci toccano il cielo“, in collaborazione con la Dr. Christine Levy e il Dr. Felix Keller. Il volume sarà corredato da numerose immagini scattate da prospettive diverse e dati scientifici comprensibili per tutti. Attualmente, la raccolta fondi è attestata circa sui 67’000 CHF; una volta raggiunti gli 80’000 CHF (presumibilmente entro fine aprile) il progetto avrà il via. Secondo le stime, il libro sarà presentato al pubblico per il ventennale GGC nel 2018.

Due gli importanti eventi futuri ricordati durante la serata:

  • 11 e 12 giugno: Giornate Unesco GGC
  • 6 agosto: 25° anniversario FSP (Fondo svizzero per il paesaggio)

In conclusione di assemblea, il cassiere Silvano Cortesi ha brevemente illustrato il conto preventivo per il 2016, composto da ricavi pari a 105’700 CHF e costi pari a 108’700, con un bilancio in rosso di 3’000 CHF. Ricordando, inoltre, che circa 100’000 CHF ritorneranno in valle grazie alla collaborazione tra GGC e Bernina Glaciers.


La serata è poi proseguita con la conferenza del Dr. Riccardo Scotti, coordinatore scientifico delle campagne glaciologiche del Servizio glaciologico Lombardo, dal titolo “L’agonia dei Ghiacciai – Il ghiacciaio terrestre è il termometro più efficace dello stato di salute del nostro pianeta!“, di cui riferiremo, per questioni di spazio, nei prossimi giorni.

Membro della redazione