Il Friuli non dimentica

0
28

Ringraziamento all’Associazione Interventi Umanitari Valposchiavo
Quaranta anni fa un fortissimo terremoto devastava il Friuli. Anche numerosi poschiavini e grigionesi parteciparono alla ricostruzione.

 

 

Con passo incerto, ma con lo sguardo diritto e fiero, Andrea Compagnoni si avvicina all’ex sindaco di Trasaghis e attuale presidente della sezione Ana di Gemona, Ivo Del Negro, che con parole di gratitudine gli consegna un libro ricordo e un attestato, durante la cerimonia commemorativa.

Andrea ringrazia della generosità e ricorda l’unità e l’impegno della popolazione locale nella ricostruzione. Quasi esattamente 40 anni fa, il 6 maggio 1976, il Friuli era sconvolto da un terribile terremoto di magnitudo 6.4, che portò distruzione e morte in tutta la regione. Altre scosse in parte ancora più forti, avvenute l’11 e il 15 settembre, fecero crollare tutto quanto ricostruito nei mesi precedenti.

6 maggio 2016 a Trasaghis, da destra in prima fila:
Sindaco di Trasaghis Augusto Picco, sindaco nel 1976 Ivo Del Negro, presidente della Regione autonoma Friuli Venezia e Giulia Debora Serracchiani, Andrea Compagnoni con la nipote Alessia e una delegazione di Interventi Umanitari Valposchiavo

Anche in quest’occasione Andrea non mancò all’appuntamento con chi ha bisogno di aiuto e di sostegno umano e materiale. Con diversi volontari poschiavini e altri grigionesi partecipò alla ricostruzione.

Una via della periferia di Avasinis si chiama Coira e conduce a sette casette, che furono molto preziose specialmente nei primi anni dopo il terremoto: una di esse porta il nome “Poschiavo”.

Casetta Poschiavo a Avasinis

Associazione Interventi Umanitari Valposchiavo