Escrementi canini non raccolti, sanzionare non è facile

0
9

Necessario cogliere sul fatto i trasgressori (di I. Falcinella)
Il 22 settembre scorso IL BERNINA raccoglieva lo sfogo di un coltivatore di Le Prese esasperato dal continuo ritrovamento di feci animali sulle sue coltivazioni. In questi giorni un altro cittadino, infastidito dalla maleducazione di certi proprietari di cani, ci ha segnalato un altro misfatto (vedi foto), questa volta addirittura nella Piazza Comunale.

 

“Sono tra chi trova particolarmente fastidioso incontrare escrementi di cane sui bordi delle nostre strade di campagna, frequentate dai molti possessori di cani, che sono in continuo aumento. Venerdì scorso ho incontrato un regalino del genere anche in Piazza Comunale. Vi mando le foto. So che esiste una legge e sarebbero previste delle multe, ma penso ne siano state distribuite ben poche finora… tra l’altro mi chiedo: chi dovrebbe darle queste multe?”. Questa la segnalazione inviata in questi giorni da un cittadino di Poschiavo alla nostra redazione.

L’escremento canino ai piedi della scalinata della Chiesa di San Vittore Mauro

 

Come si comporta la legislazione in questi casi? Dal 2013 si è reso necessario creare una legge ad hoc, spiega Nicola Passini del Comune di Poschiavo, per ovviare al problema dei detentori di cani che non rispettano il suolo pubblico insudiciando le strade del Borgo, non raccogliendo gli escrementi dei loro cani.

Sanzionare i trasgressori però non è facile: infatti, gli stessi devono essere colti sul fatto dalla Polizia Cantonale, organo preposto alla riscossione di multe disciplinari (in questo caso 100 CHF), oppure essere denunciati da cittadini che hanno assistito al misfatto. Nel caso di privati cittadini ricordiamo che il nome di chi presenta la denuncia non compare negli atti di Polizia, quindi non bisogna avere alcuna paura a segnalare i contravventori.

Il Comune, e non solo, fa appello al senso di responsabilità dei cittadini detentori di animali “da passeggio”, affinché si impegnino a raccogliere le feci dei loro animali, come prescritto dalla legge. Per ulteriori informazioni, inoltre, è possibile contattare la Cancelleria comunale. Considerando, tra le altre cose, la spiccata vocazione turistica dei nostri borghi, trovare questi escrementi non è certo un buon biglietto da visita per chi soggiorna in Valposchiavo.

L’amministrazione di Poschiavo, anche grazie alla nostra segnalazione, ha contattato gli organi di Polizia Cantonale consigliando la tolleranza zero, come previsto dalla legge, per i trasgressori.


Per chi fosse interessato:

  • leggi l’Ordinanza d’esecuzione della Legge sui cani cliccando qui
  • leggi la Legge sui cani del Comune di Poschiavo 61 cliccando qui

Articolo correlato:

Membro della redazione