Considerazioni di fine anno

0
17

Il punto della situazione
Siamo già a metà dell’incarico nel legislativo del Comune di Poschiavo. Il PLD ha fatto la sua parte cercando di incentivare una politica a favore dello sviluppo economico ma, in considerazione delle minori entrate fiscali, con un’attenzione particolare alle spese.

 

Il primo anno è stato dunque contraddistinto dal nostro impegno attivo nel promuovere un pacchetto di misure volte al raggiungimento del pareggio di bilancio. Questo obiettivo è stato raggiunto e ci consente ora di guardare al futuro con rinnovata fiducia.

Il secondo anno non è stato meno ricco di sfide: ci ha visti favorevoli nell’ appoggiare il credito per il nuovo parcheggio a Le Prese, opera che era urgentemente necessaria. Abbiamo partecipato alla commissione preparatoria della nuova legge sul turismo, in seguito accettata in votazione popolare. Ci siamo schierati a favore del credito d’impegno per lo sviluppo ragionevole dei percorsi per rampichini. Abbiamo inoltre sostenuto la creazione del nuovo Centro Sanitario Valposchiavo, approvato in seguito dalla popolazione ed ora attivo a tutti gli effetti.

In merito all’ampliamento del teleriscaldamento a Viale, volto a riscaldare il nuovo punto d’appoggio cantonale, non abbiamo condiviso le modalità proposte. Il contributo previsto da parte del Cantone non copriva, purtroppo, nè i costi d’investimento e nemmeno i costi di produzione. La controproposta discussa e decisa in Giunta comunale è stata bocciata dallo stesso Cantone. In questa maniera, il Cantone, ha di fatto affossato il progetto. Grande delusione costatare che il Cantone (il quale dovrebbe incentivare le energie rinnovabili) si rifiuta di corrispondere i costi effettivi di un riscaldamento a cippato, adducendo motivi di carattere economico!

Appoggiamo l’ottima idea del Consiglio Comunale di realizzare, partecipando a una società, la centralina di produzione di corrente elettrica sulla Val Pednal, (progetto che è in fase di elaborazione).

A metà anno il PLD ha lanciato la mozione “diamo una svolta alla gestione dei rifiuti”. Questa mozione ha contribuito ad indirizzare le trattative sulla gestione dei rifiuti con la Regione Bernina e a dare una spinta alla realizzazione dei punti di raccolta con i contenitori Molok. I lavori dovrebbero iniziare in primavera 2017.
Abbiamo partecipato attivamente in seno alla commissione per il mandato di prestazione e il messaggio per il conferimento alla Regione Bernina della raccolta rifiuti. Questo compito è risultato particolarmente difficile. La Giunta di Poschiavo nella seduta del 21.11.2016 ha finalmente licenziato la sua proposta di mandato di prestazione che deve ancora essere discussa dal Comune di Brusio e tornerà probabilmente in Giunta il 23 gennaio 2017. Troppo tardi per organizzare la votazione popolare il 12 febbraio nei due Comuni come previsto. La votazione slitterà dunque alla primavera 2017.

La nuova legge sulla pesca ha trovato, sulla maggioranza delle proposte, anche il nostro consenso. La popolazione l’ha poi approvata a larga maggioranza in votazione popolare.

Sia dal preventivo 2016 che dal preventivo 2017, costatiamo con grande piacere che la situazione finanziaria comunale è migliorata sensibilmente. Il risultato d’esercizio è preventivato a ca. CHF 250’000.00 di utile. Il Cash Flow invece si attesta intorno ai 2 milioni di franchi. Questo ci permetterebbe degli investimenti nell’ordine di ca. CHF 2,5 milioni annui con un grado di autofinanziamento dell’80% circa. Di pari passo si potrebbe dunque limitare al minimo l’aumento del debito. Il PLD si è impegnato, e si impegnerà anche nel futuro, a favore di un piano investimenti basato su progetti realizzabili e non interpretato come una specie di “lista dei desideri”. Per questo abbiamo avanzato la proposta (sostenuta dalla Giunta comunale) di una riduzione del preventivo investimenti per il 2017 da 4,2 a 3,7 milioni di franchi. Non tutti questi progetti troveranno la loro realizzazione e l’investimento effettivo si situerà presumibilmente attorno ai 2,5 milioni di franchi.

Dopo una ragionevole proposta di taglio del 10%, il PLD ha appoggiato la richiesta del Consiglio comunale per un credito di CHF 220’000.00 a favore di una nuova rimessa per i pompieri a Viale.

Da subito siamo stati favorevoli alla proposta che il Consiglio comunale ha negoziato con la IB Sili per la sistemazione parziale della zona Li Geri. Un passo avanti, attuabile in tempi brevi, che aveva l’obbiettivo di ripristinare lo stato naturale della riva, compattare e circoscrivere la zona di lavorazione inerti. Purtroppo due opposizioni stanno mettendo a repentaglio la soluzione proposta richiedendo tempi brevissimi per il ripristino di tutta la zona. Ci sembra però ovvio che prima di poter procedere alla rivitalizzazione del sito a Li Geri sia necessario disporre di una zona alternativa pronta e operativa. A nostro avviso, la tempistica più convincente è quella prevista dal Consiglio comunale. Questa prevede uno spazio temporale di ca. 5 anni (realizzazione del sito “Mota da Miralago”).

Abbiamo chiuso il 2016 dunque, lasciando in sospeso questi due importanti cantieri: la futura gestione dei rifiuti e la sistemazione del sito Li Geri. Il PLD è dispiaciuto di questo. Questi due traguardi si potevano e si dovevano raggiungere. Questo dimostra come sia difficile, in un contesto piccolo come la Valposchiavo, sviluppare e portare a termine dei progetti in tempi brevi.

Il PLD ha cercato di promuovere il dibattito politico, auspicando un confronto ed un dialogo aperto dove far maturare le proprie idee e difendendo i concetti in cui crede a favore della popolazione. Certo non sono più le Giunte stringate di un tempo, quando un partito aveva la maggioranza assoluta e le casse comunali permettevano una maggiore flessibilità. Tuttavia la discussione e la molteplicità delle idee aiutano a trovare un giusto equilibrio.

PLD Valposchiavo

.