Il Consiglio comunale informa

0
287

L’amministrazione del Comune di Poschiavo desidera informare la cittadinanza in merito a: commissione valanghe, consegna di un veicolo per il corpo pompieri, l’approvazione del progetto Val Beton e di una richiesta di acquisto di azioni della costituenda società per azioni “Diavolezza Lagalb AG.

Commissione valanghe

Il Consiglio Comunale già nel 2015 aveva discusso di istituire una commissione valanghe instretta collaborazione con la Ferrovia retica (FR). Questa commissione ha il compito di valutare possibili pericoli causati dalle valanghe non solo sulla tratta ferroviaria del Bernina, ma su tutto il territorio del Comune di Poschiavo. Dopo vari incontri e valutazioni tra il Comune di Poschiavo, la Ferrovia retica e l’Ufficio foreste e pericoli naturali si ha potuto allestire l’accordo di prestazione con la Ferrovia retica e il rispettivo mansionario della commissione. La commissione valanghe, dopo l’allestimento delle carte d’intervento valanghe in collaborazione con l’Ufficio foreste e pericoli naturali e svolto il corso valanghe A + B presso l’SLF di Davos, entrerà in funzione a partire dal 15 novembre 2017.

Il Consiglio comunale approva l’accordo di prestazione con la Ferrovia retica e il mansionario della commissione valanghe, nominando i signori Diego Battilana e Gianni Zanoli quali rappresentati comunali della stessa. In questa commissione fanno pure parte i rappresentanti della Ferrovia retica nelle persone di Stefano Crameri e Plinio Crameri.

Consegna veicolo per il corpo pompieri

In data 18.8.2017 verrà consegnato dalla Ferrovia retica e dall’Assicurazione fabbricati dei Grigioni il nuovo veicolo in dotazione a due vie (strada e rotaia) a favore del corpo pompieri di Poschiavo. Per l’uso di questo veicolo sono previsti vari corsi, che si svolgeranno a Poschiavo in lingua italiana grazie ad un istruttore domiciliato nel Comune di Poschiavo.

Approvazione del progetto Val Beton

Le opere di protezione previste dal progetto di pubblicazione „Risanamento delle opere di protezione della Val Beton“ prevede misure di protezione attive che permettono un controllo del corso d’acqua e dell’eventuale colata detritica in caso di piena. La valle presenta forti pendii con inclinazione nord-ovest e numerosi torrenti e riali caratterizzati da un importante avvallamento del proprio alveo. Per questi motivi, negli anni 1921 / 22, fu realizzato un primo intervento di protezione dell’alveo e di stabilizzazione dei versanti mediante la creazione di una serie di briglie di consolidamento su un’altezza compresa tra i 1’350 m.s.m. – 1’700 m.s.m.. Nell’estate del 1987 le forti precipitazioni causarono un’importante colata detritica nella Val Beton, la quale danneggiò in modo importante le briglie esistenti. Per questo motivo, nel 1992 / 93 furono realizzate 27 nuove briglie e ripristinati due sbarramenti danneggiati. Nello stesso periodo fu inoltre realizzato un bacino di ritenzione nella parte bassa del bacino idrografico, ad una quota di 1’100 m.s.m., al fine di proteggere la strada cantonale H29, San Carlo ed i terreni agricoli sottostanti.

Con il risanamento delle misure di protezione della Val Beton e l’ingrandimento del bacino di ritenzione, il centro abitato di San Carlo, la strada cantonale H29 e le strade comunali risultano protetti contro un evento con periodo di ritorno di 100 anni ed i danni potenziali verrebbero fortemente ridotti.

L’esecuzione del progetto per il rinnovo delle briglie e l’ampliamento del bacino di ritenzione Val Beton è prevista in due tappe:

  • 1° tappa, primavera/estate 2017 “risanamento delle briglie esistenti”
  • 2° tappa, primavera/estate 2018 “ampliamento del bacino di ritenzione e passaggi stradali”

Il preventivo dei costi ammonta a 1.24 milioni di franchi; i contributi previsti sono del 35% da parte della Confederazione, 45% da parte del Cantone (arginature e strada cantonale) e il rimanente 20% a carico del Comune. Il Consiglio comunale approva l’esecuzione del progetto e delibera il credito di ca. CHF 250’000.00 per l’esecuzione dell’opera.

Richiesta di acquisto di azioni della costituenda società per azioni “Diavolezza Lagalb AG”

La Corvatsch AG, che si occupa di raccogliere sottoscrizioni a favore della neo costituenda società Diavolezza Lagalb AG la quale, dal 1° luglio di quest’anno, assumerà la gestione dei due impianti di risalita ai piedi del Bernina, ha contattato il Comune di Poschiavo chiedendo di sottoscrivere delle azioni. Anche se il Comune di Poschiavo è toccato solo minimamente in cima alla stazione di montagna di Lagalb a est per un breve tratto di pista, e tutto l’impianto rimane sul territorio del Comune di Pontresina, l’Esecutivo, ritiene opportuno lasciare un segnale chiaro a favore del mantenimento di questa stazione sciistica. A questo proposito Il Consiglio comunale decide di sottoscrivere 20 azioni nominali di CHF 500.00 ciascuna per un importo totale di CHF 10’000.00.


Amministrazione del Comune di Poschiavo