60 minuti per fare il punto della situazione

0
572
pixabay

La settimana scorsa abbiamo potuto seguire alla televisione il dibattito “60 minuti” riguardante lo stato dell’economia grigionese, guidata da un membro della RSI e sostenuta da esponenti della politica del Cantone dei Grigioni.

Il dibattito è stato condotto in modo oggettivo e anche le varie prese di posizione riguardanti i problemi di gestione fra centro e periferia ha reso evidente che non tutti erano esattamente dello stesso parere, anche se in linea di massima tutti cercavano di mettersi dalla parte delle regioni discoste.

Ritengo che interventi simili, dialogando, portano a riavvicinare il centro alle periferie, ma forse va ribadito, che i dati di fatto devono non solo essere discussi, ma anche praticati e messi in atto anche a favore di chi non abita a Coira…

Il Gran Consiglio parallelamente al Governo sono le istanze che fanno il tempo nel Cantone e che hanno in mano la facoltà di decidere a favore dei centri o delle periferie. Evidentemente i singoli deputati sparsi sul territorio possono in ogni momento essere sopraffatti dal grosso numero di deputati centristi.

Notiamo che le periferie sono in perdita in vari settori, come i posti di lavoro (vedi ad esempio recentemente le guardie di Confine e ora il servizio postale, questo di competenza federale). Il Comune di Poschiavo contava verso gli anni 50 quasi 5000 residenti, che sono ridotti oggi a circa 3500. Al contrario la città di Coira ha subito un incremento non indifferente.

Si pensava che l’informatica avrebbe frenato lo spopolamento e ridato certe attività anche alle regioni più discoste. Certo che l’informatica ha raggiunto anche le periferie, ma solo come strumento di lavoro, che ha contribuito però ulteriormente alla evidente appropriazione centrale…

Finora si potevano consegnare i moduli d’imposta alla cancelleria comunale. Ora guarda caso, i moduli devono essere spediti a Coira e non più al proprio ufficio fiscale del Comune.

Questo significa che la diminuzione di mano d’opera in valle, seppur attuata con il contagocce, continua. E molto triste assistere agli sviluppi negativi, senza la minima possibilità di poter intervenire. Disponiamo purtroppo solo di ferri corti

Quali saranno i prossimi passi per incrementare la povertà di una regione?

La constatazione proviene dalla periferica Valposchiavo.


Mario Costa