La ballerina diplomata con il miglior voto svizzero è Milena Crameri

4
2080

Concludendo con uno stupefacente 5.8, miglior nota a livello svizzero, Milena Crameri ha ottenuto il diploma riconosciuto dalla Confederazione di danzatrice professionale (Bühnen Tänzerin EFZ). Conclude così una formazione durata otto anni, piena di soddisfazioni, ma anche sacrifici.

Milena ha infatti lasciato Poschiavo all’età di 10 anni per studiare danza all’accademia Ucraina di Milano per un anno, per poi passare per altri sette anni alla Tanz Akademie Zürich. Danzare, oltre che un lavoro, è una delicata arte, dove le emozioni, il ritmo e la musica vengono espressi attraverso il corpo. Con quali criteri si può giudicare quindi il ballo, e quali aspettative ci sono per una ballerina? Ce lo spiega Milena in questa intervista.

 

Come funzionano gli esami per ottenere il diploma?
Gli esami sono suddivisi in due parti: una pratica ed una teorica. Nella parte teorica si esamina la storia della danza, teoria della musica, anatomia e cultura generale. La parte pratica è più complessa. In una prima parte dell’esame tutta la classe segue una lezione di danza classica dove si esaminano la sbarra, il centro, salti e punte e gli esaminatori osservano ogni ballerina giudicando musicalità, creatività, tecnica e compatibilità con il resto del gruppo. Ci sono inoltre esami di variazione, passo a due e danza moderna. Infine, c’è l’esame d’improvvisazione, dove tra diversi compiti bisogna ballare sulle note di una canzone sentita il giorno prima.

Quali sono i tuoi piani, ora che hai conseguito il diploma?
Rimango ancora un anno a Zurigo in modo da finire la maturità professionale e parallelamente mi allenerò ancora alla Tanz Akademie Zürich. Farò anche molte audizioni per poter ballare in una compagina, lavoro che vorrei fare per qualche anno.

Dove ti piacerebbe lavorare in futuro?
A dire la verità non mi importa molto in che Paese andrò. La mia priorità è quella di trovare una compagnia dove ho la possibilità di ballare molto e migliorarmi. Spesso però è difficile trovare lavoro perché ci sono sempre molti canditati e la concorrenza è alta. Inoltre, in alcuni paesi le compagnie favoriscono ballerine provenienti dalle scuole del luogo, perciò non è sempre facile.

Che cosa speri per il futuro?
Il mio desiderio è quello di poter ballare fino a che il mio corpo me lo concede. La carriera di una ballerina dura in media fino a 30-35 anni, quindi dovrò trovare una seconda professione. Mi piacerebbe rimanere nel settore della danza, come coreografa oppure istruttrice. Per questo motivo ho scelto di conseguire anche la maturità professionale. Per diventare ballerina non è obbligatorio, ma da più sicurezze una volta conclusa la carriera oppure in caso di un imprevisto.


Daniele Isepponi

4 COMMENTI