L’HC Poschiavo unica squadra estera ospite del Torneo del Cucciolo 2018 di Pergine e Trento

0
414

Lo scorso fine settimana i ragazzi più grandi della categoria U8 hanno affrontato la lunga trasferta in Trentino per una due giorni di hockey e tanto divertimento.

Quando si è bambini si vivono tante emozioni, molte delle quali si dimenticheranno da grandi. Alcune, però, resteranno dentro per sempre. Quelle che i nostri ragazzi hanno vissuto lo scorso fine settimana sono emozioni che non scorderanno facilmente.

Timore, sorpresa, esaltazione, delusione, gioia: sono questi alcuni dei sentimenti che abbiamo letto negli occhi dei nove bambini che hanno avuto la fortuna di partecipare al Torneo del Cucciolo 2018, organizzato dagli hockey club di Pergine e Trento.

Grazie all’allenatore dell’HC Poschiavo Fabio Zampol, che vive in Trentino dove fino alla scorsa stagione ha allenato le giovanili del Pergine, sabato 10 e domenica 11 marzo Andrea, Camilla, Emanuele, Fabrizio, Lorenzo, Loris, Nils, Noè e Sara hanno potuto partecipare, quale unica squadra estera, a un torneo composto da ben venti squadre provenienti dal Trentino e dal Nord Italia.

Ecco il resoconto di uno dei giocatori:

“Il nostro allenatore Fabio Zampol ci ha iscritto a un torneo organizzato a Pergine e a Trento. Hanno potuto partecipare solo i ragazzi del 2009 e le ragazze del 2008 e 2009. Venerdì pomeriggio siamo partiti per Pergine.

Sabato sul campo di Pergine entrano i poschiavini e vedono le porte più piccole, quindi serve più mira per chi vuole segnare.

Alla fine di ogni partita c’è il gioco del tiro alla fune sui pattini. Però i poschiavini sono in pochi per vincere. Anche in campo siamo più stanchi perché possiamo riposarci solo per un cambio. Tutte le altre squadre hanno più giocatori.

Le squadre italiane sono forti, però i poschiavini fanno del loro meglio.

Alla fine della giornata i poschiavini arrivano quarti. Le prime tre squadre si qualificano e restano a Pergine, mentre le quarte e le quinte classificate domenica andranno a Trento.

Sabato però si gioca anche a Trento. Anche a Trento si qualificano le prime tre squadre, che vanno a Pergine, mentre le quarte e le quinte restano a Trento.

Domenica il Poschiavo gioca a Trento. A Trento è la stessa cosa di Pergine. Le porte sono più piccole delle nostre e c’è il gioco del tiro alla fune. Però le quarte e le quinte che troviamo a Trento sono molto forti.

Con le squadre che ci avevano battuto sabato adesso vinciamo. Arriviamo secondi nel nostro girone e ci tocca giocare contro il Trento e vinciamo.

Negli spogliatoi il nostro allenatore Fabio Zampol ci dice che due giocatori del Poschiavo tirati a sorte possono andare a giocare a Pergine nell’all-star game.

Alla premiazione non dicono chi è arrivato primo o ultimo e tutti ricevono una medaglia.

I due giorni si concludono. Sono stati due giorni di gioco e divertimento.

È stato un po’ faticoso ma anche molto bello.”

I risultati:

Sabato 10 marzo, Pergine:

HCP- Pergine 0-0
HCP – Fassa 0-1
HCP – Pieve di Cadore 0-3
HCP- Val di Non 6-0
HCP- Piné 6-2

Domenica 11 marzo, Trento:

HCP-Fassa 2-0
HCP-Valrendana 1-0
HCP- Diavoli Sesto 6-0
HCP- Kaltern 0-3
HCP-Trento 3-1

Gianluca Balzarolo e Paolo Raselli, coach per un giorno in sostituzione di Fabio Zampol, impegnato sabato con la prima squadra

Grazie di cuore ai ragazzi per la grinta, l’entusiasmo e l’impegno con cui hanno affrontato questa nuova avventura, un grazie speciale all’allenatore Fabio Zampol per aver permesso ai nostri ragazzi di partecipare a questo bel torneo e di conoscere la vivace realtà dell’hockey italiano e grazie anche a tutti gli accompagnatori (genitori, nonni, fratelli e sorelle), che con il loro caloroso tifo hanno sostenuto i giocatori in ogni momento.

Grazie a tutti per aver reso questo week-end un indimenticabile week-end di sport, amicizia e grandi emozioni.


Per gli U8, Veronica e Emanuele