Du Village, riaperto lo storico ristorante nel centro di Brusio

0
1887

Già da alcune settimane, ormai, ha riaperto le sue porte nel centro di Brusio il ristorante Du Village, che oggi si presenta in veste completamente rinnovata. All’apertura ufficiale, avvenuta sabato 12 maggio, la Brass & Melgasc Band si è occupata di animare il folto pubblico accorso. Ubicato al piano terra del Residence Rivera (ex Hotel Bottoni), con il terrazzo che si affaccia sulla strada cantonale e la sua vicinanza ai principali servizi del paese, l’esercizio va ad ampliare l’offerta di ristorazione nel capoluogo del comune di Brusio.

La famiglia Fausto ed Elsa Vezzoli-Rivera ha acquistato l’immobile nel 2014 con l’intenzione di ristrutturare e trasformare i piani superiori in proprietà condominiali, riqualificare gli spazi commerciali del piano terra e dare nuova vita all’edificio. Da storica osteria di paese con negozio – sorta nei primi decenni del Novecento -, l’immobile era già stato completamente ristrutturato, ampliato e adibito ad albergo negli anni ‘70. Con la riapertura del Du Village è stata raggiunta un’importante tappa del progetto, che potrebbe proseguire con la realizzazione di un bed&breakfast da quattro stanze al primo piano dell’immobile e lo sfruttamento del vano a nord del ristorante in sala per banchetti o spazi commerciali. Sul piazzale intorno all’immobile, 13 piazze di posteggio per automobili sono a disposizione della clientela di ristorante o altre eventuali attività, mentre nelle strette vicinanze vi sono altri parcheggi pubblici.

La motivazione principale che ha spinto la famiglia Vezzoli-Rivera a realizzare il progetto è il desiderio di far rivivere l’immobile in quest’area strategica per Brusio. Agli occhi degli avventori non sfuggirà – oltre al logo del ristorante – lo stemma del Comune di Brusio inciso sulla vetrata posta dopo l’entrata: “Mi ispira molto il motto sub-hoc-signo-vinces che fa da corona allo scudo crociato, in quanto si presta bene come auspicio per l’inizio di una nuova era, anche per quella del nostro immobile”, dichiara Fausto Vezzoli.

I gestori del rinnovato ristorante sono Davide e Gloria Piatta Dell’Abbondio-Crameri. Davide, originario di Castione Andevenno, dopo aver frequentato la scuola alberghiera di Sondrio ha iniziato a fare le stagioni come cuoco a Rimini d’estate e a Livigno d’inverno. Con l’intenzione di allargare i sui orizzonti, ha intrapreso una carriera professionale durata sei anni in ristoranti italiani dell’Estremo Oriente: tre anni in Vietnam (Ho Chi Minh) e tre anni in Tailandia (Bangkok e Phuket). Di ritorno dall’Asia, nel 2009, ha trovato impiego presso il «Pavarotti Wine bar» di St. Moritz fino al 2014, in cui oltre ad occuparsi di piatti freddi ha approfondito le sue conoscenze enologiche. Poi, ancora come cuoco, ha lavorato per altri quattro anni presso il ristorante Segelclub di St. Moritz, mentre l’ultima stagione invernale, in attesa di prendere in gestione il Du Village, l’ha passata al ristorante Skiclub St. Moritz a Salastrains. Sua moglie, Gloria Piatta Dell’Abbondio-Crameri, è nata e cresciuta a San Carlo e proviene dal settore della vendita al dettaglio, nel quale ha svolto il tirocinio presso il negozio Stone-Art di Poschiavo e lavorato nel negozio Bally di St. Moritz per sei anni.

La giovane coppia di gerenti coltivava da tempo il sogno di gestire un’attività in proprio, mettendo a frutto le loro esperienze lavorative. Venendo a conoscenza del progetto di ristrutturazione dell’ex albergo Bottoni a Brusio, più di due anni fa, i due si sono quindi interessati presso i proprietari per sapere cosa sarebbe stato dell’ex ristorante Du Village e da lì è iniziata questa loro nuova avventura. Cucina, stile e arredi per sala, bar e angolo “lounge” sono tutte scelte condivise assieme ai proprietari dell’immobile. L’offerta culinaria del nuovo Du Village è varia e comprende colazione, piatto del giorno e menù con possibilità d’asporto su prenotazione, pasta gelati e torte fatte in casa, aperitivi e drink. Oltre a ciò, la specialità di ogni giovedì sera – sempre su prenotazione – sono le “spare rips”. L’offerta è rivolta a una clientela eterogenea e a tutte le fasce d’età.


Achille Pola