A un passo dalla Maturità

Sabato 9 marzo

0
203

La Pgi Valposchiavo propone all’interno del programma culturale 2019 la presentazione dei lavori degli studenti della Scuola cantonale di Coira, per far conoscere alla popolazione valligiana testi narrativi e ricerche dei giovani partiti dalla propria valle per proseguire la formazione.

Destino comune di molti studenti valposchiavini, è quello di allontanarsi dalla propria regione per poter continuare gli studi scolastici e scegliere la strada verso la professione desiderata. Il loro periodo di studio del secondo ciclo superiore si conclude con l’elaborazione di un lavoro finale che però non viene quasi mai presentato nella terra da dove si è spiccato il volo.

Ci sembrava opportuno e interessante, quindi, proporre in Valposchiavo i lavori di maturità dei nostri studenti presentati presso la Scuola cantonale di Coira. Hanno aderito alla nostra proposta tre studentesse che presenteranno presso il Centro parrocchiale di Poschiavo le proprie fatiche scolastiche.


 

Matilde Bontognali presenta il racconto La guerra dentro – Li chiamavano scemi di guerra. Ambientato in Valtellina durante la Prima guerra mondiale, questa narrazione corale che mira al “romanzo storico fittizio”, si concentra sulle vicissitudini di una famiglia, il padre della quale è partito per il fronte. Tema importante trattato in questo lavoro sono gli “scemi di guerra”, ossia i soldati che sopravvivevano alla guerra ma ne uscivano con enormi danni psichici. Il testo però parla anche di chi è restato, della vita quotidiana di chi la guerra l’aveva vissuta un po’ in secondo piano.

Angelica Costa presenta il racconto Radici, ispirato alla storia di sua bisnonna Cleospite , emigrata dal Veneto all’inizio del Novecento. L’idea iniziale era approfondire le radici della propria famiglia da parte paterna, ma trovandosi di fronte alla scarsità di informazioni, la studentessa ha deciso di basarsi su aneddoti e quei pochi dati reali inventando la storia della sua antenata attraverso la forma del racconto.

Arianna Guadagnini presenta la ricerca in ambito biologico Come si comportano i valori ematici pendolando tra la Valposchiavo e l’Engadina. L’obiettivo è quello di scoprire l’influsso che ha sulla parte corpuscolare del sangue (più precisamente sui parametri legati ai globuli rossi) il cambiamento di altitudine al quale sono sottoposti i pendolari. Sono state coinvolte in questa ricerca 41 persone suddivise in 4 gruppi: abitanti stabili in Valposchiavo, pendolari giornalieri e settimanali che si spostano da 1000 a 1800 m s.l.m., e abitanti stabili in Engadina Alta. Dai risultati ottenuti con prelievi venosi e grazie ad analisi di laboratorio, la studentessa ha tratto delle conclusioni.

Invitiamo la popolazione ad assistere all’’esposizione dei lavori delle giovani studiose e a fissare l’appuntamento per:

Sabato 9 marzo 2019, ore 16.00
Presso Centro parrocchiale di Poschiavo

Per scaricare la locandina clicca qui.


Informazioni: Pgi Valposchiavo – valposchiavo@pgi.ch – 081 834 63 17