Semiseria intervista pubblica a un claun di guerra

0
156

Mercoledì 27 febbraio 2019, alle 20:15, presso la biblio.ludo.teca La sorgente in via dal Cunvent a Poschiavo, si terrà un’intervista pubblica a Marco Rodari, che nella vita fa anche il claun di guerra in posti come la striscia di Gaza, la Siria e l’Iraq.

 

“Un Bimbo a cui hai regalato la Meraviglia, sarà portatore sano di Pace”
Marco Rodari detto “il Pimpa”

Avevo 17 anni quando mi convinsero ad andare al cinema a vedere “La vita è bella” di Benigni. L’impatto fu devastante: si parlava dell’Olocausto, come nessuno prima aveva fatto mai. Se ne parlava col sorriso sulle labbra e il cuore che si spezzava lentamente. Impensabile; tanto che il film vinse l’Oscar ed è tutt’oggi forse fra le narrazioni più efficaci mai espresse sul tema. Fra le narrazioni più efficaci di sempre. Chapeau.
Un anno più tardi uscì un altro film che vidi poi in televisione: Patch Adams. Si raccontava, partendo da una storia vera, di un medico o aspirante tale (interpretato dal compianto Robin Williams) che scelse di fare del sorriso la migliore terapia. Un clown da ospedale, uno capace di entrare in reparto pediatrico di cure palliative con un finto nasone rosso di plastica sulla faccia, di questo parlava il film. Anche qui un modo per girare la torta. Qualcuno dirà un po’ idealista forse, ma pur sempre un modo, anche questo unico nel proprio genere e perlomeno d’impatto.

Prima che qualcuno possa azzardare l’ipotesi che guardassi troppa televisione a quei tempi, posso confermare come poi negli anni feci anche altro nella vita. Mi sono distratto, e con la mia distrazione sono stati soffocati un po’ d’ideali, e con loro la meraviglia che fa a pugni con quella che certi disillusi chiamano spesso abusivamente “realtà“. Per fortuna poi ho avuto modo di imbattermi, o meglio sbattere, in altre situazioni che hanno scosso una certa abitudine all’ordinario sovvertendo nuovamente l’ordine delle cose; e quando è successo, è stata di nuovo sorpresa.

Fra questi eventi c’è stato l’incontro quattro anni fa con Marco Rodari, in arte “il pimpa“, uno che nella vita fra le altre cose fa anche il claun di guerra. Et voilà, ci risiamo. Un altro di quelli che probabilmente, visto che il contesto in cui si sono ritrovati non era un granché, hanno pensato di cambiare l’approccio, che almeno su quello avevano pieno potere. Il contesto, in questo caso, è la guerra. L’approccio, una volta ancora, il sorriso. Ma come possono coesistere queste due parole, guerra e sorriso, in un’unica frase, nella stessa situazione, addosso a una sola persona? Ce lo spiegherà Marco Rodari, questa è la mia speranza, durante un’intervista pubblica che si terrà il mercoledì 27 febbraio 2019, alle 20:15, presso la biblio.ludo.teca La sorgente in via dal Cunvent a Poschiavo. Se non vi ho convinti del tutto, venite allora per semplice curiosità, e scoprirete prelomeno la differenza fra un clown e un claun. Promesso. Il resto è tutto guadagno.

L’intervista pubblica a Marco Rodari (ilpimpa.it) è una proposta narrativa di Josy Battaglia (storievaganti.com), in collaborazione con la biblio.ludo.teca La sorgente di Poschiavo (biblioludoteca.ch).

Per scaricare la locandina clicca qui.


biblio.ludo.teca La sorgente