CTL, Ferrovia Retica disposta a collaborare con il territorio

1
1233

Continua la discussione intorno al destino dell’immobile che ha ospitato il Centro Tecnologico del Legno. Ora che la società è formalmente in liquidazione, inevitabilmente si stringono i tempi per i soggetti interessati ad una sua nuova ricollocazione. Tra di essi è stata menzionata pure la Ferrovia Retica che, interpellata da Il Bernina, si è detta molto interessata ad una buona collaborazione con i partner turistici, le regioni ed i comuni.

A questo proposito, la compagnia ferroviaria ha precisato di essere aperta alla cooperazione, con l’obiettivo comune di creare valore aggiunto per il Cantone e per le regioni. “Questo – ha affermato – già avviene in molte di queste. La Ferrovia retica, infatti, agisce in modo concettualmente di supporto, in qualità di sparring partner nella pianificazione o nel marketing”.

A riprova di quanto detto, la Ferrovia Retica porta in dote alcune esperienze. “Esempi positivi di questo modo d’agire per la Valposchiavo – viene specificato – sono, ad esempio, il sentiero escursionistico Brusio-Viadotto, già realizzato, o il progetto in elaborazione di una piattaforma panoramica presso l’Alp Grüm. A tutto ciò vanno ad aggiungersi alcuni progetti e attività congiunte della FR e della Valposchiavo (Bernina Kräuter Express, Bernina Glaciers… )”.

Le idee di un possibile utilizzo dell’edificio dell’ex Centro Tecnologico del Legno presso la stazione di Poschiavo, quindi, sono seguite con interesse dalla Ferrovia Retica che, però, seguendo la propria vocazione, non sarà portata ad investire economicamente per l’aquisto della struttura, essendo il proprio business legato esclusivamente al trasporto pubblico.

“Qualora le idee e i progetti intorno alla struttura dovessero essere realizzati dalla regione Valposchiavo, – conclude nella sua nota la Ferrovia Retica – inteso come territorio nel suo insieme, saremo lieti di esaminare una possibile cooperazione”.


Marco Travaglia

1 COMMENTO

  1. Interessantissimi articoli sul possibile futuro della struttura ex CTL. Abbiamo solo bisogno di alcuni facoltosi cittadini del Comune disposti a contribuire a fondo perso a favore di una rinascita della struttura.