Uncool – Artisti in residenza: Marco Von Orelli

0
69
Foto by Urs Schmid

L’Associazione Culturale la ciaf invita il pubblico alla performance musicale di Marco Von Orelli il giorno 27 aprile, alle ore 17.00, presso presso la Casa Hasler di Poschiavo e il giorno 3 maggio alle ore 21.00, al Bar Caffè Pedenosso di Valdidentro. Entrata libera.

 

LOTUS CRASH (CH)
http://marcovonorelli.ch/portfolio/lotus-crash/
MARCO VON ORELLI tromba
TOMMY MEIER sassofono tenore & clarinetto basso
FRIDOLIN BLUMER contrabasso
SHELDON SUTER batteria

Lotus Crash è un gruppo che riunisce quattro eccezionali improvvisatori. Le loro biografie musicali sono molto diverse, tutti si sono già distinti indipendentemente con progetti forti, sono artisticamente autonomi, ma lavorano insieme da molto tempo. Ciò che li unisce è la loro idea di suono ed estetica.

Questo quartetto suona crudo e arcaico; sorprende con un suono caldo ed espressivo. Il repertorio include temi originali e brani selezionati di musicisti prediletti: Andrew Cyrill, Ray Anderson o Roscoe Mitchell. I due strumenti a fiato e la sezione ritmica senza strumento di armonia hanno una lunga tradizione. I Lotus Crash li sviluppano ulteriormente con l’uso di tecniche strumentali contemporanee, con forme rotte e composizioni nascoste. Le improvvisazioni differenziate di questa band sono fuori dagli schemi; questo è Creative Jazz al suo meglio.

Marco von Orelli
www.marcovonorelli.ch

Domande a Marco von Orelli di Cornelia Müller

Cosa significa per te la musica?
Suono, ritmo, brusio, silenzio – percezione cosciente e uditiva può significare musica.
Un mezzo di espressione (di un genere artistico), che provoca un sacco di eccitazioni psichiche. Attraverso il suono e il ritmo le emozioni vengono percepite e risvegliate.
A volte mi interessa la libertà e la sorpresa nella musica. Ad esempio, ogni musicista rappresenta un atteggiamento chiaro, consapevole e flessibile, ma non rigido, in ogni momento e quindi entra in un processo musicale con i suoi compagni. Crea una conversazione e un’interazione piene di sorprese, che si spera conducano a un risultato imprevedibile.

Cos’è la musica?
La musica può essere molto legata all’educazione, alla visione, alla comprensione e all’esperienza di ascolto. Ecco perché questa domanda contiene diverse risposte per me.
Fondamentalmente: Creare energia in vibrazioni organizzate.

Cosa ti ha fatto diventare un musicista?
Esperienze di ascolto molto precoci. Il mio interesse per il suono. I miei eroi musicali.
La mia voglia di creare la “mia” musica.
Sono consapevole che alle persone piace parlare di genere, stile e influenze per trasmettere un’idea e indizi. Ma vorrei una maggiore accettazione nel senso di riconoscere l’autonomia della musica e dei suoi creatori senza creare immediatamente un ponte per riferimenti storici e connessioni. Questo probabilmente presuppone una generosità generale. Forse è necessaria anche una sana dose di ingenuità per evitare di classificare la musica.

La musica ha cambiato la tua vita in meglio?
Spiritualmente parlando, di sicuro.
La musica mi insegna un’apertura fondamentale.
Sono felice di lavorare con il mio strumento ogni giorno. La mia curiosità persistente sullo strumento mi ha spinto ad ampliare continuamente le possibilità espressive di tromba e di indagare tecniche alternative e di svilupparli ciò che oggi sono integrate e applicate nel mio modo di suonare.
Tuttavia, c’è anche il seguente fatto: A mio parere, l’ottimizzazione globale in molte aree si traduce in una dottrina che ha un impatto negativo sui bisogni umanitari e naturali delle persone. Sfortunatamente, anche i generi artistici in generale, inclusa la musica, sono influenzati.
La coercizione economica è evidente nella vita quotidiana dei musicisti e spesso difficile da affrontare.


Per Uncool,
Marco von Orelli