Un’altra impresa hightech nell’area dell’ex segheria Domat/Ems

0
158
Fonte: www.rsi.ch

Continua lo sviluppo dell’area dell’ex segheria di Domat/Ems (GR) verso il parco industriale per imprese del settore hightech che il Cantone aveva in mente: il Governo retico ha approvato la bozza di un contratto per la cessione di un terreno alla BC-Tech AG, “un’altra impresa innovativa e orientata all’esportazione”.

Una zona industriale destinata ad imprese ad alto valore aggiunto e orientate all’esportazione: questo doveva diventare l’area dell’ex segheria Vial/Tuleu a Domat/Ems, secondo le intenzioni del governo cantonale dopo la demolizione dell’impianto. Così nel 2015 il Cantone ha acquisito i diritti di superficie – precedentemente di proprietà dell’azienda Holzindustrie Pfeifer – e ha assicurato la
rivitalizzazione e l’urbanizzazione complementare del fondo.

Dopo la realizzazione del nuovo stabilimento della Hamilton Ems AG, oggi l’esecutivo grigionese annuncia di avere approvato la bozza di un contratto di compravendita tra il Comune patriziale di Domat/Ems e un’altra azienda, la BC-Tech AG, per la cessione di un terreno di 9924 metri quadrati.

La BC-Tech AG, “altra impresa innovativa e orientata all’esportazione attiva nel settore dell’alta tecnologia, investe tra 15 e 20 milioni di franchi nel progetto. I suoi prodotti vengono impiegati tra l’altro nell’estrazione di gas e di petrolio, nel settore aerospaziale e dell’aviazione, nella tecnologia medica, nell’industria e nella tecnologia per il sottovuoto. Presso il nuovo sito è previsto che a medio e lungo termine vengano impiegati circa 110-130 collaboratori”, si legge un comunicato odierno della cancelleria cantonale.

Il primo insediamento hightech nell’area è stato quello della Hamilton Ems AG. Nell’aprile 2017 l’azienda ha avviato i lavori di edificazione del suo nuovo stabilimento per una produzione ad alta tecnologia per beni di consumo “intelligenti”. L’investimento è di circa 35 milioni di franchi.


Ats