Cura dell’anziano in Valposchiavo: quale futuro?

0
405

Nel corso dell’ultimo anno il CSVP ha elaborato una strategia, un concetto di sviluppo della cura dell’anziano in Valposchiavo.

Questo concetto tiene conto dell’evoluzione demografica (nei prossimi 15 anni il numero delle persone anziane non più autosufficienti raddoppierà!), dello sviluppo della società con ulteriore promozione delle qualità di vita dell’anziano, dei trend in atto (cura a domicilio il più a lungo possibile…) e delle linee guida per la cura dell’anziano emanate dal Cantone, dalla Confederazione e dalla Comunità Europea.

Riassumendo il concetto prevede, oltre al sostegno per progetti di vita indipendente, tre ambiti d’intervento: cure domiciliari, ambulatoriali e stazionarie.

A domicilio si prevede di potenziare le cure prestate dal Servizio Spitex, anche in sinergia con le collaboratrici familiari private (badanti). E’ prevista inoltre la creazione di un servizio ambulatoriale di cura e di consulenza geriatrica specializzata.

Infine è già iniziata una nuova riorganizzazione dei reparti di cura stazionaria indirizzati alle maggiori patologie della terza e quarta età. Fra queste, particolarmente urgente è la cura delle demenze con un approccio conforme e adeguato.

Proprio in questo contesto è appena stato aperto in Casa Anziani un reparto dedicato, chiamato Reparto Protetto: un progetto pilota per persone affette da Alzheimer o da altri tipi di demenza.

Maggiori informazioni al riguardo verranno rese pubbliche prossimamente, in attesa dell’inaugurazione del nuovo reparto, prevista nell’ambito di una Giornata delle porte aperte durante il pomeriggio di sabato 1° giugno 2019.


Centro sanitario Valposchiavo