AmbriaJazz 2019 in Valposchiavo con “Giardini incantati”

0
187
Giovanni Busetto (direttore artistico) e Norma Ghizzo (responsabile organizzaione) di AmbriaJazz - Foto di P. Evangelisti

AmbriaJazz 11esima edizione si presenta. Confermato il concerto a Poschiavo per “Giardini incantati”. Appuntamento venerdì 12 luglio, ore 17, presso il giardino della sede Repower di Poschiavo, con il Trio di Francesco Diodati.

Per il terzo anno consecutivo il festival estivo valtellinese AmbriaJazz si collega alla rassegna poschiavina “Giardini incantati”. Quest’anno arrivano tre musicisti non ancora quarantenni: Leïla Martial, occitana, voce ed elettronica, Stefano Tamborrino, fiorentino, alla batteria (nomen omen!) ed il capogruppo Francesco Diodati, romano, alla chitarra. Due musicisti, che amano sperimentare mescolando la tradizione con i linguaggi più contemporanei, incontrano per questo progetto la voce di Martial straordinariamente versatile (per chi si vuol sincerare … Youtube è lì).

AmbriaJazz è prima di tutto una rassegna musicale ove il jazz si contamina però con la modernità musicale e a volte con la grande tradizione. Nei sedici concerti previsti nel mese di luglio troveremo giovani emergenti (tra tutti Diodati e Tamborrino),  donne (Martial e Ada Montellanico, ad esempio) e grandi nomi (Fabrizio Bosso, Raffaele Casarano, Michel Godard, Gregory Privat e Grant Stewart).
“AmbriaJazz – sostiene Giovannni Busetto, direttore artistico – vuol promuovere il territorio valtellinese nel senso più esteso ed inclusivo del termine, sia verso la popolazione locale, sia verso i visitatori che si trovino a passare in valle. La promozione territoriale, l’ospitalità offerta ai musicisti, gli atteggiamenti tenuti nelle quotidiane operazioni per la realizzazione dei vari eventi, avvengono nel rispetto della natura, della cultura e dell’economia locale”. “In fondo noi siamo convinti che un turismo responsabile sia più lento a svilupparsi, ma che dia poi frutti più fecondi alle comunità locali. – chiosa Norma Ghizzo, responsabile dell’organizzazione – E poi è nostra cura segnalare e rimuovere le barriere che impediscono l’accesso a tutti”.

Per il programma completo vedi ambriajazzfestival.it.


Piergiorgio Evangelisti