Museo poschiavino, le novità da non perdere

0
580

Lo scorso 16 giugno, ha aperto le porte al pubblico il Museo poschiavino. Sono diversi i motivi che dovrebbero spingere cittadini e turisti a fare visita a questo importante luogo di cultura.

Uno dei più interessanti (al quale, nei prossimi giorni, dedicheremo un approfondimento a parte) riguarda senz’altro un’offerta speciale dedicata ai bambini. Saranno loro, infatti, i protagonisti di un viaggio alla scoperta dei tesori custoditi all’interno del Palazzo de Bassus-Mengotti. Seguendo una mappa approderanno a diversi giochi grazie ai quali potranno imparare divertendosi.

Di grande rilevanza, come spiegato dal presidente della Fondazione Ente Museo Poschiavino, Paolo Raselli, è anche l’istituzione di un biglietto combinato che permetterà di visitare, nel corso dell’attuale stagione, il Museo poschiavino (Palazzo de Bassus-Mengotti e Casa Tomé), il Museo Casa Console a Poschiavo e il Palazzo Salis di Tirano (Italia).

Oltre a queste interessantissime novità, solo ancora per quest’anno, sarà possibile visitare la mostra «Moda e costume», che ha per tema l’evoluzione delle abitudini nel vestire, presentando la commistione e l’influsso reciproco tra le abitudini locali della Valposchiavo e le tendenze internazionali. 

Oltre alla gestione ordinaria del museo, come raccontato da Paolo Raselli, per concludere, è in fase di realizzazione, nei pressi del complesso preindustriale del Mulino Aino, il Centro di conservazione dei beni culturali della Valposchiavo. I lavori di costruzione sono già iniziati.


Marco Travaglia