Repower migliora il risultato operativo

0
143

Il Gruppo Repower AG ha conseguito nel primo semestre 2019 un buon risultato, realizzando un totale ricavi di 1018 milioni di franchi. Il risultato operativo (EBIT) si attesta a 56 milioni di franchi. Al risultato positivo hanno contribuito essenzialmente l’andamento positivo dei prezzi dell’energia elettrica, la buona performance della centrale a ciclo combinato gas-vapore di Teverola e il trading.

Nel 1° semestre 2019 Repower ha saputo sfruttare una migliore situazione di partenza del mercato dell’energia elettrica in modo coerente e in tutti i settori del mercato, conseguendo un risultato superiore alle attese grazie a una gestione ottimale delle sue posizioni energetiche, a un ottimo risultato del trading e a una gestione oculata dei costi.

Il totale ricavi nel primo semestre 2019 si attesta a 1018 milioni di franchi ( -3,3% rispetto al 1° semestre 2018). Il risultato operativo (EBIT), pari a 56 milioni di franchi, è nettamente superiore a quello dell’esercizio precedente (9 milioni di franchi). Nel 1° semestre 2019 il Mercato Svizzera ha contribuito al risultato con un EBIT di 20 milioni di franchi (1. semestre 2018: 5,5 milioni di franchi). Il Mercato Italia ha conseguito un EBIT di 40,1 milioni di franchi (6,8 milioni di franchi). Il Corporate Center ha archiviato il semestre con una perdita di di 4,1 milioni di franchi. L’utile netto nel primo semestre si attesta così a 49 milioni di franchi. La quota del patrimonio netto è aumentata dal 43% al 47%. I risultati operativi dei due segmenti «Mercato Svizzera» e «Mercato Italia» sono superiori alle attese.

Contesto di mercato favorevole per l’energia di bilanciamento

Il contesto dei mercati rimane difficile ma offre anche delle opportunità per Repower. L’aumento del prezzo dei certificati CO2 ha contribuito all’andamento positivo dei prezzi sul mercato dell’energia elettrica nel primo semestre 2019. Inoltre, le nuove energie rinnovabili hanno influenzato il mercato in misura consistente con le variazioni della produzione che le contraddistinguono. Repower ne ha beneficiato con la produzione di energia di bila nciamento, soprattutto in Italia, dove la centrale a ciclo combinato gas -vapore di Teverola è impiegata per mantenere la stabilità della rete. Sul risultato di Teverola hanno inoltre inciso positivamente i prezzi bassi delle materie prime. I risultati della produzione della controllata Repower Renewable hanno superato le previsioni grazie alle buone condizioni meteorologiche per gli impianti eolici e solari.

Anche il trading in Svizzera e gli ordinativi per terzi sono risultati positivi nel 1° semestre. L a produzione da impianti propri in Svizzera si attesta complessivamente a 339 GWh nel 1° semestre, un valore leggermente superiore alla media degli ultimi 10 anni.

Ampio consenso per SMARTPOWER

Una tappa importante dello scorso semestre è stato l’avvio del roll-out di SMARTPOWER, il prodotto di Repower per lo smart metering. Già quattro fornitori di energia hanno deciso di usare questo sistema innovativo nella propria area di distribuzione.

Lo scorso maggio la popolazione dei comuni Poschiavo e Brusio ha votato a favore di un adeguamento delle concessioni, spianando la strada per il rinnovo generale programmato della Centrale di Robbia e per la pianificazione del rinnovo degli impianti di Miralago. Questo grande progetto dovrebbe garantire la produzione di elettricità da energia idroelettrica nella Valposchiavo per i prossimi decenni.

L’attività di vendita in Italia registra un continuo aumento della base di clientela. Le offerte di acquisto, già avviate da Repower nell’autunno 2018, hanno conseguito risultati positivi anche nel primo semestre 2019.

Prospettive

Il mercato è ancora caratterizzato da una situazione di tensione generale per il comparto energetico. Il tendenziale aumento dei prezzi dell’energia elettrica non attenua l’incertezza del cambio EUR/CHF, che subisce forti pressioni. Di norma, il risultato di Repower nel primo semestre dell’anno è migliore che nel secondo semestre. Per il 2019 è previsto un risultato annuo superiore a quello dell’anno precedente.