InfoGrigione si compatta e si incontra a Savognin

0
478

InfoGrigione, l’associazione per la promozione dell’informazione di lingua italiana, si è incontrata mercoledì 11 dicembre a Savognin. L’occasione è stata propizia per conoscere Mattia Cavaliere, il nuovo collaboratore dell’Ats a Coira. Quest’ultima figura lavorativa è nata nel 2017 proprio su proposta della PGI e di InfoGrigione, con l’obiettivo di creare un servizio d’informazioni in italiano per il nostro Cantone.

Presenti all’incontro, oltre alla segretaria generale della Pgi, Aixa Andreetta (subentrata da qualche mese a Giuseppe Falbo), e al presidente di InfoGrigione, Bruno Raselli, alcuni media grigionesi di lingua italiana, che hanno avuto l’occasione di illustrare ai presenti il proprio lavoro e le difficoltà connesse.

Mattia Cavaliere, da ottobre dipendente all’Ats, ha svolto un 1 mese e 1 settimana a Berna di introduzione per imparare il nuovo lavoro. Finita la formazione scolastica, si è subito inserito nel mondo del giornalismo, prima nel Giornale del popolo e poi, per 8 anni, alla Regione, a Bellinzona. “Qui – ha affermato – ho imparato a conoscere il grigionitaliano e il Moesano”.

Parlando del suo impegno professionale, ha paragonato il giornalista a un mediatore: “Mi piacerebbe idealmente – ha aggiunto – che la mia posizione sia una sorta di postino verso i portali e i giornali, ma vorrei anche sfruttare la mia posizione a Coira per creare contatti e cercare di portare qualche notizia originale”. A partire da queste riflessioni si sono poste quindi le basi per l’instaurazione di nuove sinergie con i media del Grigionitaliano.

Uno degli scopi di InfoGrigioni, ha poi ribadito il presidente Bruno Raselli (che a fine novembre ha avuto la possibilità di discutere personalmente la questione con il Consigliere federale Ignazio Cassis e con la direttrice dell’Ufficio federale della cultura Isabelle Chassot), è quello di individuare le possibilità di sostegno pubblico per i media del grigionitaliano. In questo senso, il grancosigliere Manuel Atanes, nel mese di giugno, ha presentato un’interpellanza al governo con la quale chiedeva, tra le altre cose, “quale possibilità vede il Governo per sostenere finanziariamente nel breve termine i media grigionitaliani in difficoltà”. A tal proposito, è atteso, per la prossima primavera, un rapporto della Confederazione sulla situazione dei media nel Grigionitaliano, che dovrebbe rappresentare il punto di partenza per un ragionamento comune.

In vista di questo cruciale passaggio, InfoGrigioni, insieme alla Pgi, ha quindi voluto serrare le fila per stabilire, ancora una volta, degli obiettivi comuni, allo scopo di assicurare ai media del Grigionitaliano un futuro meno incerto.


Marco Travaglia