Che cos’è Amnesty International?

0
180

Che cos’è Amnesty International e quali sono gli obiettivi che si vogliono raggiungere ? Ce lo hanno chiesto anche molti partecipanti alle recenti manifestazioni di Paneneve e Marcù da Natal. Una risposta la si può trovare nel testo che pubblichiamo qui di seguito.

Il 28 maggio 1961, dalle colonne del quotidiano The Observer, l’avvocato Peter Benenson lancia un appello dal titolo “I prigionieri dimenticati”. L’autore, indignato per l’arresto di due studenti “colpevoli” di aver brindato alla libertà delle colonie portoghesi in un ristorante di Lisbona, denuncia le ripetute violazioni della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e invita i lettori a unirsi alla sua protesta. L’effetto è imponente e del tutto inaspettato: migliaia di persone delle più diverse nazionalità si mettono in contatto con l’autore e insieme organizzano la prima campagna internazionale in difesa dei Diritti Umani. Nasce così Amnesty International. Da quel giorno Amnesty si batte perché siano rispettati i fondamentali diritti di ogni essere umano sanciti il 10 dicembre 1948 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite:

  • il diritto alla libertà di pensiero, di opinione e di religione;
  • il diritto alla vita, alla libertà e alla sicurezza della propria persona;
  • il diritto di dimostrare la propria innocenza con un processo pubblico, equo e sollecito.

Amnesty International si batte con ogni mezzo presso i governi di tutti i paesi per ottenere:

  • il rilascio di tutti i prigionieri per motivi di opinione, uomini e donne detenuti per motivi religiosi, politici o razziali che non abbiano fatto uso di violenza e non ne abbiano promosso l’uso;
  • la garanzia di processi equi e tempestivi di tutti i prigionieri;
  • l’abolizione della pena di morte, della tortura e di ogni trattamento inumano, crudele e degradante;
  • la fine delle esecuzioni e delle “sparizioni”.

Amnesty International – la più grande organizzazione per la difesa dei Diritti Umani che può contare su milioni di persone impegnate contro le ingiustizie in oltre 150 paesi e territori – è un movimento internazionale indipendente da qualsiasi governo, parte politica, interesse economico e credo religioso. Per conservare la sua indipendenza di giudizio e d’azione, Amnesty International accetta unicamente contributi finanziari privati ed è in grado di operare essenzialmente grazie alle tasse sociali versate dai propri membri e alle donazioni. La sua attenzione è concentrata anzitutto sui singoli casi di violazioni dei Diritti umani, nel più ampio contesto della loro difesa. Gode di status consultivo presso le Nazioni Unite e nel 1977 ha ricevuto il premio Nobel per la Pace.

Amnesty International lotta da oltre 50 anni a colpi di penna e i risultati ottenuti dimostrano l’efficacia della sua azione. Infatti dei quasi 45’000 casi fin qui seguiti, più della metà hanno trovato una soluzione positiva; migliaia di violazioni dei Diritti Umani sono venute a galla e denunciate, molti governi si sono trovati con le spalle al muro, bloccati dal peso dell’opinione pubblica; in 56 paesi è stata abolita la pena di morte, anche grazie all’intervento di Amnesty International.

Questa è Amnesty International: una voce libera e indipendente che difende, con metodi non violenti, i diritti fondamentali di tutti coloro che ne sono stati privati. Una voce che continuerà a farsi sentire fino a quando i Diritti Umani non saranno universalmente rispettati.


A cura del Gruppo Amnesty Valposchiavo