Poschiavo ospita per la prima volta le “Finali Grigionesi di Tiro”

0
1167

Prendono il via nella serata di oggi, venerdì 7 febbraio, le “Finali Grigionesi di Tiro 10m (fucile + pistola)”, organizzate dalla Società Tiratori Poschiavo (STP). I migliori tiratori del Cantone, infatti, si sfideranno fino a domenica presso le palestre comunali di Poschiavo. Per conoscere da vicino la manifestazione abbiamo intervistato Giorgio Murbach, fino al 2019 presidente della Società Tiratori Poschiavo; dopo la fusione con la “Società Tiratori Pistola Poschiavo 50m/25m/10m” e con la “Società Tiratori Sportivi Valposchiavo” ha assunto il ruolo di responsabile degli impianti al poligono.

E’ la prima volta che la società organizza un evento del genere? Quali sforzi sono stati affrontati?

Sì, per la Società Tiratori Poschiavo è la prima volta che si organizza un evento così grande. Questo anche grazie alla fusione delle tre società presenti prima nel comune di Poschiavo. L’unione fa la forza. Per l’occasione si è formato un comitato organizzativo che sta lavorando da circa due mesi. L’infrastruttura vera e propria per il tiro a segno sarà fornita da una ditta esterna su incarico della federazione grigionese, la KBSV, mentre tutta la logistica è lavoro della STP.

Quanti e chi sono i valposchiavini che partecipano a questa fase finale?


Si inizia questa sera con le competizioni a gruppi alla pistola, alla carabina e, novità di quest’anno, anche con la carabina con appoggio. I poschiavini sono presenti con un gruppo alla pistola formato da: Sergio Cortesi, Ilario Costa, Claudio e Marco Pellicioli, mentre il gruppo alla carabina è formato da Reto Costa, Ruggero Tuena, Luca Cortesi e il sottoscritto.

Il sabato si continua con le competizioni singole. Qualificato per la pistola è Ramon Crameri. Avrebbe dovuto esserci pure Guido Crameri, ma per impegni fuori valle ha dovuto rinunciare. Per quanto riguarda la partecipazione alla carabina, si sono qualificati tutti e quattro i tiratori che rappresentano anche il gruppo, ossia io, Reto, Ruggero e Luca. Saranno presenti anche altri poschiavini che militano con altre società oltre Bernina.

Purtroppo, mancheranno a questa competizione i protagonisti delle finali dell’anno scorso a Coira, in quanto sono occupati con la nazionale Svizzera, ossia il già olimpionico Lars Färber, in gara a L’Aia, e la giovane promessa Valentina Caluori.

Come funzionerà la gara?

Come già detto, il venerdì sera sono di turno i gruppi: ogni tiratore dovrà sparare 40 colpi in un determinato tempo a disposizione per tutto il gruppo. Nelle qualifiche del sabato mattina si sparano 60 colpi in 75 minuti, per tiratore. Da questi risultati i primi 8 classificati, sia pistola che carabina, si sfideranno per la finale che si svolgerà tra il pomeriggio e la sera di sabato. La finale verrà eseguita secondo il programma internazionale della ISSF. Al termine della giornata ci sarà pure la finale dei tiratori con carabine con appoggio.

Quanti tesserati conta attualmente l’associazione e quali attività vengono svolte durante l’anno?

La STP conta circa 100 soci tra attivi e giovani tiratori. Le attività principali sono il tiro al poligono a Li Gleri in tutte le distanze e categorie, con varie uscite fuori valle. Quest’anno l’uscita principale è sicuramente la partecipazione al Tiro Federale a Lucerna, manifestazione che si svolge ogni 5 anni.
La novità della STP è stata la proposta di tiro a segno nell’ambito di Gioventù e Sport G+S per le ragazze e ragazzi a partire da 10 anni, alla distanza di 50m o più, comunemente chiamata piccolo calibro. Da non dimenticare il successo con i corsi proposti per giovani tiratori (GT), il nostro futuro.

Quali sono le sfide del prossimo futuro?

Una grande sfida per la società sarà l’aiuto all’organizzazione della festa del tiro cantonale Grigionese nel 2023, in Engadina e valli del sud. Per chi volesse scoprire il fascino di questo sport non gli rimane che fare visita alla palestre di Poschiavo, dove avrà pure la possibilità di usufruire del servizio di ristorazione.


A cura di Marco Travaglia