Uncool: Charlotte Hug

0
84
DEU, Deutschland, Berlin, Maerzmusik 2013 - Festival für aktuelle Musik, 11.03.2013, Charlotte Hug - Performance "Slipway to Galaxies" in der Installation "Mercurial Touch" im Haus der Berliner Festspiele, [(c) Kai Bienert, Borkumstr.10, 13189 Berlin, Tel: 030 4719696, Mobil: 0171 5418507, Email: kb@mutesouvenir.com, www.mutesouvenir.com, Bankverbindung: Deutsche Bank 24, BLZ: 10070024, KTO: 2067650, IBAN: DE83100700240206765000, BIC(SWIFT):DEUTDEDBBER, Finanzamt Pankow/Weissensee, StNr.: 35/229/00156, UST-ID:DE137081101,NUTZUNG NUR GEGEN HONORAR UND COPYRIGHTNENNUNG! WWW.FREELENS.COM/CLEARING/] [#0,26,121#]

L’Associazione Culturale la ciaf invita il pubblico alla performance musicale di Charlotte Hug.

  • 4 luglio 2020 ore 17:00 CASA HASLER POSCHIAVO
    Via da la Pesa 8, CH-7742 Poschiavo (GR) – Entrata Libera

LAND-IN-SCAPE
Solo per viola & voce e la Valposchiavo
www.charlottehug.ch

Gli spazi e gli stimoli extra-musicali sono fonte di formazione per il lavoro di Charolotte Hug. Nella natura o negli spazi urbani si creano opere che sono specifiche di ogni località. Cosi le ricerche sonore di Hug l’hanno portata dai tunnel scavati nel ghiacciaio del Rodano al varo sull’Oceano Atlantico a Cork, in Irlanda, alle Grotte Sterkfontein (grotte delle sorgenti potenti) a Maropeng, in Sudafrica, e persino ai paesaggi cinesi vicino a Hangzhou. Sono significativi anche i progetti in partenrship con ricercatori del sonno, biologi, glaciologi, ecc.

Nel progetto Land-In-Scape per Poschiavo, la localizzazione e la teoria della risonanza del sociologo Hartmuth Rosa sono centrali. Una frase significativa di Rosa è: “La risonanza non è un sentimento, ma una forma di relazione”.

Come vocalist, la prima fonte di risonanza è la bocca. Il suono è morbido e duro allo stesso tempo, chiaramente formato, eppure estremamente facile da modellare. La bocca è un cumulo di emozioni, pensieri, piacere, cultura, impulso primordiale ed è il più importante organo di scambio tra interno ed esterno, corpo e anima. Come vocalist Charlotte canta più di quattro ottave, dalle sfumature al falsetto più alto. Con battiti di glottide vibranti, multitoni e articolazioni vicine al parlato, Hug oscilla tra la voce umana e il canto delle sirene. La sua specialità è anche il sound mixing. Viola e voce sono in un rapporto costante, a volte completamente indipendenti, poi di nuovo si fondono in “canzoni” ibride. Questo crea un ulteriore spazio di risonanza e il linguaggio sonoro inconfondibilmente personale di Charlotte Hug.

I suoni dei paesaggi interni al cavo orale e della viola sono sempre in relazione con l’ambiente esterno. Il paesaggio della Valposchiavo è un elemento formativo e modellante di Land-In-Scape. L’esterno suona sfaccettato e allo stesso tempo modella il suono della vocalist e della violista. La voce e la viola riecheggiano dai boschi e dalle montagne, l’aria del mattino si riscalda e lascia che i suoni si alzino e fluttuino. Hug ha sviluppato una tecnica di canto che le permette di cantare mentre inspira ed espira. Il canto suona dall’interno attraverso le corde vocali verso l’esterno ma anche viceversa, l’aria esterna scorre attraverso le corde vocali, fresca e umida al mattino o riscaldata dal sole e piena del profumo dei fiori, facendole vibrare e suonare. Suoni dall’interno e dall’esterno si fanno ascoltare e parlano con la propria voce. I suoni viaggiano e si formano attraverso paesaggi interni ed esterni invitano il pubblico in molteplici sistemi di riferimento e spazi di risonanza.


Charlotte Hug


Mercoledì 24. 6. 2020 alle ore 20:00 Radio SRF 2 Kultur trasmetterà un ritratto della musicista e artista Charlotte Hug. Vedi il link:
https://www.srf.ch/sendungen/musik-unserer-zeit/papierrollen-weichbogen-und-fliegende-haare-charlotte-hug


Uncool