Riapre il Museo Poschiavino

0
280

Nuova mostra temporanea nonostante la situazione complicata

«STREGHE! Storie di persecuzione in Valposchiavo»: questo è il tema della nuova mostra temporanea, della durata di due anni, proposta dal Museo poschiavino, che nel 2021 – nell’ambito dell’omonima rassegna – sarà ampliata con numerose altre manifestazioni sul tema della caccia alle streghe dei secoli XVII e XVIII.

La crisi del coronavirus non ha risparmiato neppure il Museo poschiavino. Poiché per questo motivo l’allestimento della nuova mostra temporanea è durato più a lungo del previsto, la stagione museale inizierà il 5 luglio 2020, tre settimane più tardi rispetto a quanto programmato inizialmente. Per il team di collaboratori del Museo era però importante dare un contributo alla ripartenza dell’offerta turistica della Valle, che a causa della particolare situazione ha subito una battuta d’arresto. Per questo motivo ci si è prodigati in ogni modo per garantire anche per il 2020 l’apertura del Museo. L’obiettivo è stato raggiunto e ora nulla dovrebbe più ostacolare lo svolgimento della stagione museale 2020.

Sostegno spontaneo

Per garantire i normali orari di apertura del Museo, è di centrale importanza il grande impegno dei molti volontari che si sono già dichiarati disposti a completare il normale organico di sorveglianti e di guide. In questo modo coloro che a causa del coronavirus non se la sentono di prestare servizio in pubblico, non saranno costretti a farlo. In questa sede desideriamo ringraziare tutti coloro che quest’anno entreranno a far parte del team del Museo.

ARRIVANO LE STREGHE!

Come in altre regioni della Svizzera, tra il XVII e il XVIII secolo anche la Valposchiavo ha conosciuto tempi bui. Persone innocenti vennero sottoposte a processi di stregoneria, perseguitate e condannate. Con la mostra temporanea «STREGHE! Storie di persecuzione in Valposchiavo», il Museo poschiavino desidera dare un contributo alla documentazione, alla ricostruzione e alla discussione intorno a questo periodo storico. Molti dei processi sono documentati, e ciò ha reso possibile farli diventare argomento di una mostra. Inoltre, con il patrocinio della «Pro Grigioni Italiano», era previsto di organizzare per il 2020 una serie di manifestazioni sullo stesso tema. Di processi alle streghe si sarebbero occupati anche il Festival delle erbe spontanee, così come pubblicazioni, esposizioni, un film e varie serate a tema. A causa della situazione straordinaria causata dal coronavirus, questa serie di manifestazioni dovrà essere rimandata al 2021. Quest’anno sarà possibile visitare soltanto la mostra temporanea del Museo poschiavino, che tra l’altro avrà una durata di due anni e sarà quindi riproposta anche l’anno prossimo.

Novità: visite guidate ogni sabato

Anche per il 2020 il Museo poschiavino ha in serbo una novità: a partire dall’11 luglio 2020 e fino al termine della stagione, ogni sabato alle ore 17.00 si terrà una visita guidata del Museo aperta al pubblico. La visita guidata durerà circa 90 minuti. Il ritrovo sarà presso la sede del Museo, il Palazzo de Bassus-Mengotti, in Via da Spultri a Poschiavo. Non è necessaria la prenotazione e si entrerà pagando il normale biglietto d’ingresso. Con questa nuova offerta il Museo desidera venire incontro al desiderio di molti ospiti di partecipare ad una breve visita guidata, in una fascia oraria diversa.

Viene riproposta anche quest’anno l’offerta del biglietto combinato transfrontaliero, che permette di visitare ad un prezzo vantaggioso il Museo poschiavino (Palazzo de Bassus-Mengotti e Casa Tomé), il museo d’arte Casa Console (Poschiavo) e il Palazzo Salis nella vicina Tirano (Italia).

Rispetto delle regole anti-covid

Il Museo poschiavino si informa costantemente in merito alle prescrizioni e alle raccomandazioni vigenti delle autorità sanitarie e dell’Associazione dei musei svizzeri in materia di coronavirus. Tutte le norme sono rispettate e, ove necessario, adeguate. I visitatori sono invitati a rispettare le indicazioni al riguardo. Desideriamo ringraziare fin d’ora i visitatori per la comprensione, nel caso in cui dovessero verificarsi brevi attese o altri tipi di limitazioni. Se si dovessero rendere necessari adeguamenti rilevanti, ciò sarà comunicato sul sito del Museo. Per quest’anno il Museo poschiavino rinuncia all’inaugurazione della mostra, che tradizionalmente apriva anche la stagione, ma si pensa di riproporre un momento di approfondimento l’anno prossimo.

Pronto il centro di conservazione beni culturali Valposchiavo

Il Museo poschiavino ha il compito di mantenere, conservare in modo sicuro e curare i beni culturali della Valposchiavo e di renderli accessibili al pubblico e a fini di ricerca. Per adempiere al meglio a questo compito, il Museo è riuscito a realizzare un edificio semplice ma funzionale proprio accanto al complesso storico del Mulino Aino (San Carlo). Questo edificio, che prende il nome di «Centro di conservazione beni culturali Valposchiavo», è stato realizzato tra il 2019 e il 2020. In esso hanno trovato posto oltre 2000 oggetti conservati finora provvisoriamente in vari magazzini della Valle. Qui gli oggetti sono stati documentati in modo professionale. In considerazione dell’attuale situazione legata al coronavirus, il centro di conservazione sarà inaugurato ufficialmente nel 2021 e presentato alla popolazione e ai visitatori in occasione di una giornata delle porte aperte.

Grazie di cuore ai nostri sponsor!

Il lavoro del Museo poschiavino si basa essenzialmente sull’impegno fattivo di numerosi collaboratori su base volontaria e sul sostegno di diversi sponsor. Per questo ringraziamo tutti di cuore!

La mostra temporanea del Museo poschiavino è stata sostenuta dai seguenti sponsor: Promozione della cultura dei Grigioni; Comune di Poschiavo; Comune di Brusio; Fondazione Stavros S. Niarchos; Fondazione Willi Muntwyler; Fondazione Jacques Bischofberger; Göhner-Stiftung; Repower; Banca cantonale grigionese; InforLife.

Orari di apertura:

Il Museo poschiavino (Palazzo de Bassus-Mengotti e Casa Tomé) sarà aperto dal 5 luglio al 25 ottobre 2020 con i seguenti orari: martedì, mercoledì, venerdì e domenica dalle 14.00 alle 17.30. Novità: tutti i sabati alle ore 17.00, a partire da sabato 11 luglio, visita guidata di 90 minuti (non è necessaria la prenotazione).

Sito internet:

www.museoposchiavino.ch