La Polizia Cantonale: attenzione alle truffe online

0
462
Pixabay

Alla Polizia cantonale dei Grigioni sono pervenute diverse denunce da parte di persone truffate a seguito di investimenti di denaro offerti online. Le vittime cercavano degli investimenti ad alto rendimento.

Sono finora 25 le persone, la maggior parte pensionati, che hanno sporto denuncia alla Polizia cantonale dei Grigioni.  Alla ricerca di investimenti ad alto rendimento le vittime avevano trovato in internet delle piattaforme gestite in modo altamente professionale. Dopo aver compilato il modulo di contatto, i richiedenti erano stati contattati da gestori che parlavano tedesco o inglese e convinti a fare degli investimenti. Alcune di loro, seguendo i consigli, avevano proceduto a degli investimenti online. Un consulente finanziario, all’apparenza molto serio e affidabile, manteneva i contatti telefonici con gli investori. Al momento in cui le vittime chiedevano il rimborso degli investimenti e del guadagno nel frattempo maturato, i contatti o si interrompevamo oppure il rimborso veniva procrastinato con diverse scuse. In un caso la vittima ha perso seicentomila franchi. 

Usurpazione d‘identità
Le vittime sono state pure istruite a fornire i dati della loro carta d’identità o del passaporto e di inviare una foto o fotocopia del documento.  Non è da escludersi che questi dati siano stati usati per aprire conti destinati al riciclaggio di denaro o per gestire affari illegali. 

Prevenzione
La Polizia cantonale dei Grigioni consiglia:

– discutere gli investimenti con la propria banca o persona di fiducia del ramo finanziario
– non spedire mai copie dei propri documenti d’identità (carta d’identità o passaporto)
– non lasciarsi prendere dalla fretta
– non lasciarsi abbindolare dalle apparenze
– fare solo gli investimenti che si comprendono

Ulteriori informazioni sul sito dell’autorità federale di vigilanza (finma).