Questa sera Maurizio Canetta a Le Prese: ancora possibile annunciarsi

Sabato 19 settembre

0
1294
Maurizio Canetta - Copyright: SRG SSR

Fake news – quelle che una volta si chiamavano bufale – è un’espressione ormai entrata nel nostro uso quotidiano. Ne siamo immersi e spesso travolti, perché la rivoluzione tecnologica ha sviluppato un movimento irresistibile verso un flusso di informazione continuo, martellante e ormai impossibile da seguire per intero. Naturalmente il fenomeno planetario dei social media ha accentuato enormemente questa tendenza.

Il giornalismo non si fa più soltanto attraverso i veicoli classici, rapidità e accessibilità immediata hanno stravolto le abitudini di chi racconta l’attualità e di chi la fruisce. Le notizie false o inattendibili sono disseminate dappertutto e uno dei compiti principali di chi lavora nel mondo della comunicazione è ormai la difesa dalla manipolazione delle notizie. Ci sono i complotti politici, ma anche le campagne sociali subdole oppure l’utilizzo dei dati per costruire tesi apparentemente credibili.

Il movimento è vorticoso, sempre più spesso l’approccio all’informazione diventa superficiale e i tempi per la verifica o la correzione si riducono. È un problema centrale per chi lavora nel mondo dei media, ma lo è anche per le giovani generazioni, confrontate con un mondo in continuo divenire, che rischia di orientare pensieri e azioni in modo distorto. Ci sono modi per intercettare le fake news? Si possono smontare delle false verità in un mondo nel quale la percezione della realtà diventa realtà? Maurizio Canetta, direttore della RSI e Pablo Creti, responsabile del settore online del Dipartimento Cultura e Società della RSI ne parleranno a Le Prese, sabato 19 settembre alle ore 20.30 presso l’Hotel La Romantica. La serata è organizzata in collaborazione con l’Associazione Il Bernina.

Maurizio Canetta è direttore della RSI dal 2014. Lavora in azienda dal 1980 e ha frequentato professionalmente diversi settori: l’informazione, lo sport, la cultura.

Pablo Creti è responsabile del settore online del Dipartimento Cultura e Società. Ha lavorato a Rete Tre e ha creato e diretto SPAM, un prodotto digitale di informazione a tutto tondo fruibile su Facebook e Instagram e destinato alle giovani generazioni.

Al fine di organizzare al meglio la serata in tema di prevenzione alla diffusione del coronavirus, è richiesta la prenotazione tramite mail da inviare all’indirizzo redazione@ilbernina.ch.