“Rendere Visibili”, Ursina Lardi: Un’esposizione da non perdere

0
872

IL 3 OTTOBRE 2020 ALLE 17.00 PRESSO IL PUNTO ROSSO A POSCHIAVO VI SARÀ IL VERNISSAGE PUBBLICO DELLA MOSTRA FOTOGRAFICA“RENDERE VISIBILI: serie di ritratti di persone con autismo”


Circa 20 anni fa stavo prendendo il sole su una spiaggia in Sardegna in compagnia di mia sorella Michela quando ad un tratto mi sorprese con queste parole: «Se non avessi questo disturbo, sarei un’altra persona. La mia vita sarebbe del tutto diversa».

Non ho mai dimenticato quel momento. Allora Michela aveva sui vent’anni, una giovane donna, carina e intelligente. Affetta da autismo. Con un “disturbo”, come lei lo definisce da sempre. La chiarezza e la consapevolezza della sua situazione mi colpì profondamente.

Enumerò poi quello che nella sua vita sarebbe stato diverso senza quel “disturbo” e formulò con parole precise tutto ciò che in futuro non le sarebbe stato possibile realizzare a causa del suo modo diverso di percepire il mondo.

Dopo vent’anni, senza palesare quelli che erano i suoi desideri e i suoi sogni che riteneva irrealizzabili, posso dire che Michela non si era sbagliata; aveva valutato perfettamente la sua situazione. Ma non si è rassegnata e malgrado tutte le limitazioni si è costruita una vita che ama. In tante cose non è come l’ha desiderata, ma è lo stesso bella e veramente degna di essere vissuta.

Le persone con autismo meritano rispetto, sono artisti della sopravvivenza. Siccome la menomazione colpisce solo la percezione e non l’intelligenza, proprio le persone intelligenti ma affette da detta sindrome sono costrette ad accettare di non poter sviluppare del tutto il loro potenziale intellettuale, per esempio di non poter imparare il mestiere dei sogni, di non poter fare la patente di guida, o addirittura di dover sempre dipendere dall’aiuto di terzi.

I ritratti di questa esposizione sono così toccanti perché negli occhi dei protagonisti il fotografo è riuscito a captare il loro potenziale, il loro segreto, la loro autonomia e a volte anche il loro umore. Un’esposizione da non perdere.

Ursina Lardi