Parcheggi a Sfazù: possibile soluzione entro primavera

0
1788

Nella seduta di Giunta di lunedì 23 novembre, il punto più importante all’ordine del giorno è stato il Preventivo 2021, approvato all’unanimità. Poschiavo ha presentato un utile d’esercizio del conto economico di CHF 752’573. Il grado di autofinanziamento ammonta al 71.81%, mentre la spesa totale si attesta a CHF 25’087’455. Il conto investimenti, invece, prevede un impiego di CHF 4’026’300. Nella discussione in merito a quest’ultimo tema, ha tenuto banco, sotto il sommario “Parcheggi comunali”, la voce “Parcheggi Sfazù e Pozzolascio”.

A domanda diretta su cosa rientrasse in questo capitolo di spesa, da parte del consigliere Graziano Crameri (PDC), il Podestà Giovanni Jochum ha spiegato che si tratta del progetto dettagliato del parcheggio di Pozzolascio: sulla situazione a Sfazù, ha detto il primo cittadino, non c’è ancora una posizione condivisa del Consiglio comunale; per esempio, ha spiegato, c’è chi pensa che un ampliamento dei posteggi non sia la soluzione migliore per la Val di Campo.

Su questo punto è intervenuta la consigliera Michela Paganini (UDC) che, in nome della sicurezza, in prima battuta, ha proposto un ampliamento del parcheggio (per esempio utilizzando una porzione del piccolo bosco adiacente). Anche la consigliera Michela Cortesi-Bontognali (PDC) si è espressa in merito, proponendo l’utilizzo del servizio Autopostale.

Fulvio Betti (UDC) ha sottolineato la necessità di prendere in mano al più presto la situazione. In nome della sicurezza, ha affermato, bisogna trovare una soluzione prima dell’inizio della prossima stagione turistica: “Finora abbiamo parlato tanto e fatto poco”. Fatta questa premessa, il consigliere e vice presidente di Giunta ha proposto di utilizzare parte dei 60’000 CHF messi a preventivo nella voce “Parcheggi Sfazù e Pozzolascio”. La proposta, però, è stata sconsigliata dal Podestà, che ha ribadito come tale cifra sia stata interamente impegnata per il “Progetto Pozzolascio” e che sarebbe controproducente, per la buona riuscita dell’iter dei lavori da concordare con il Cantone, cambiare le carte in tavola.

Dopo alcuni scambi di vedute, su proposta del consigliere Elio Capelli (PDC), Giunta e Consiglio Comunale si sono trovati d’accordo nel stabilire una scadenza, la primavera prossima, al fine di permettere all’Esecutivo di portare delle proposte concrete al Legislativo. A quel punto, la Giunta avrà la possibilità di deliberare un credito aggiuntivo con lo scopo di arrivare ad una soluzione in grado di risolvere questa tematica particolarmente sentita tra i cittadini.


Marco Travaglia