Un’occasione gettata alle ortiche

2
1626

Non ci sono altre parole per descrivere quanto deciso dalla Giunta comunale in occasione dell’ultima seduta. Il mancato aumento dei contributi per la cultura e per la promozione giovanile è uno schiaffo a tutti coloro che si impegnano in ambito culturale e giovanile. In totale il Comune di Poschiavo avrebbe speso 25’000 franchi in più (o 7 franchi per abitante) e considerando che, a meno di enormi sorprese, l’anno 2021 chiuderà con un avanzo di oltre un milione di franchi, il mancato aumento non può essere motivato con la situazione finanziaria comunale.

PoschiavoViva è convinta che questa sia stata una grossa occasione mancata da parte dei partiti borghesi per dimostrare la giusta vicinanza ed il giusto sostegno a chi si impegna a favore della cultura e dei nostri giovani.

È inutile scrivere articoli e sventolare ai quattro venti la necessità di sostenere maggiormente famiglie e giovani e poi, quando si ha la concreta occasione di dare un segnale positivo, nascondersi dietro un dito e ricercare motivazioni alquanto discutibili pur di non elargire l’aumento dei contributi.

Proprio in un momento così particolare, nel quale la pandemia sta sconvolgendo le nostre abitudini, la Giunta comunale doveva dare un segnale di sostegno in favore di chi quotidianamente si impegna per il bene della nostra comunità. Un aumento dei contributi non avrebbe significato per le società solo avere più soldi a disposizione, ma sarebbe stato anche un riconoscimento per l’immenso lavoro e le innumerevoli ore di volontariato che permettono alla Valposchiavo di avere un’importante offerta culturale e di attività giovanili.

PoschiavoViva continuerà a proporre una politica concreta e non fatta unicamente di buoni propositi, per sostenere il più possibile le associazioni e tutti coloro che con le proprie attività migliorano la qualità di vita in valle e permettono ai nostri giovani di svolgere diverse attività.

Infatti chi investe nella cultura e nei giovani non sbaglia mai!


PoschiavoViva

2 COMMENTI

  1. Per la promozione giovanile due erano le proposte in discussione: aumentare il contributo di 15 mila fr. ripartendoli a pioggia come fatto fino ad ora oppure rimandare l’aumento di un anno per far sì che una commissione abbia il tempo di rivedere i criteri di ripartizione. La Giunta ha optato per la seconda possibilità con l’intento di voleri aumentare l’anno prossimo.
    Sono attivo in varie società giovanili e culturali e mi risulta che i problemi finanziari non sono in cima alle priorità di molte società. La carenza di volontari, la burocrazia, la coordinazione con altri eventi, le accresciute esigenze della società moderna sono alcune problematiche che rendono la vita difficile alle società. Con la revisione dell’ordinanza si intende appunto cercare delle soluzioni nell’interesse delle società giovanili – polemica permettendo.

  2. Grazie per questa voce che, anche se si direbbe fuori dal coro, emerge limpida e rincuorante. Lo sconforto per la decisione della giunta, per quel “pensare così corto”, ha tolto la voglia a tanti di combattere e impegnarsi per un bene immateriale comune indispensabile per ogni società. Mi auguro che il comunicato di PoschiavoViva susciti discussione e consapevolezza nella gente, per strada, al tavolo dei bar, tra le mura di casa, tra giovani, tra anziani, riuscendo magari anche a raggiungere e sensibilizzare finalmente certi nostri concittadini (politici?)ancora convinti che la cultura sia un lusso!